venerdì 31 dicembre 2010

On Parasha Toledot

I have read recently an interesting story from the Middle East. Apparently there is a big outrage going on in Palestinians’ headquarters. Mr Siham Barghouthi, Minister of Culture of the National Palestinian Authority is furious. He had spotted a kefya.You know, that black and white piece of clothes Arafat used to wear as part of his uniform, and that can be seen around the necks of some students, red and white.

Mr Barghouthi had discovered that an Israeli firm is marketing a new kind of kefya, “with an intricate Star of David pattern in the center piece, and words AM ISRAEL CHAI (Jewish People Live) in Hebrew, weaved into its fabric”. You can have it in blue and white, or also in military green. Mrs Maha Saqa, which is the director of the Heritage Conservation Center of Bethlehem told that this is, nonetheless, “a theft of heritage”.

Now, don’t ask me what Palestinian ministers do all the day, and what a Palestinian Heritage Conservation Center is meant for. I do not know. I can only say it seems they have a lot of time in their hands, so that they can follow so closely the fashion business. While neither of them seems to care about the kefyas being produced, actually, in China; and that in the last five years two Palestinian weaving factories went bankrupted. What can I say is that, being the nerdish person I am, and following a suggestion of a Religious Zionist friend of mine, I opened my beloved Dictionary of the Targumim, the Talmud Babli and Yerushalmi, and the Midrashic Literature by Marcus Jastrow.

That dictionary was published more than a century ago, long before the kefyah became the symbol of anything. And there I read an interesting entry about the sudra, which is a scarf wound around the head and hanging down the neck or a turban. Apparently in Talmudic times it was a sign of distinction for Jewish scholars. We have no proof it was used during the Biblical times, but to claim that sort of turban as authentically Arab, as opposed to a Jewish in-authenticity, is absurd.

This story reminds me the part of Parasha Toledot [Genesis 25:19-28:9]. There is a Jew in Eretz Israel. He’s doing reasonably well, you know there are ups and downs, but this guy is intelligent and a hard worker too. Unfortunately there are also the Philistines around; they do not care about welfare. They do not take any pain in improving, or in developing their own economy. No. The only things they care is, as v. 26:15 says, סִתְּמוּם פְּלִשְׁתִּים, וַיְמַלְאוּם עָפָר, to stop up Isaac’s wells, and to fill them with sand.

First the Philistines vandalize the Jewish business; so Isaac is forced to move. Not content, they keep on the destruction, even after Isaac had moved away. And why? Well, the text itself says it, v. 26:14 וַיְקַנְאוּ אֹתוֹ, פְּלִשְׁתִּים. , which is usually translated as “the Philistines envied him”. But is someway a sweeten translation, like often it happens when the text of the Bible is translated in one of our European languages. The verb itself, לקנא, is not simply about “envy”; it has a more intense meaning. A more appropriate translation indeed is “jealousy”; and there is also a component of zeal, because קנין are actually: religious fanatics.

But is not only the text to speak in this way. Abimelech himself, Philistines’ king, speaks to Isaac and says: “Go away from us, because you infuriated us too much”. [26:16] Apparently, there is something about a Jew prospering, that makes upset the surrounding people. Or at least certain kind of people, the ones who live under the rule of some arrogant Abimelech, a sovereign that does not care about building their own welfare and prosperity. They just want to get rid of the Jews, and cancel every sign of Jewish presence: so they fill with earth the wells that Isaac had dig.

I believe is still very vivid the memory of the mob destroying the wells and the greenhouses in Gaza, after the last Jewish family had left the place where they had lived, some of them from generations. And similarities are even more striking: Isaac dug anew the wells that his father Abraham dug; and that the Philistines had stopped up. Isaac even gives to the well the same names. As a result the Philistines are furious and look for the casus belli, the reason of war. According to them (let’s say their narrative) every well that the herdsmen of Isaac digs (let’s say: every Jewish well), is indeed in disputed land.

It is clear who had started it, because the Philistines clearly stated their goal, which is to get rid of Isaac’s family, because the Jews had upset them – period. Had some journalist been there, we might have a report about a continuous war of attrition between two different groups of herdsmen. Except that Isaac never retaliates, and simply keeps on moving from place to place, looking for a tiny piece of land not to be bothered by the Philistines. Abraham dug wells, the Philistines stopped them up, out of fury, intolerance, rage. Then the people of Isaac reopened the same wells (mind, the Philistines refuses even to use them, they just destroy) and had made the desert bloom. And then Isaac had to move.

Now, we might joke about the media reporter who strives to be neutral, and actually spreads lies more poisonous than Philistines’ propaganda. I understand there are plenty of such a reporters in this Country, and, believe me, Italy is not an exception. But in the Torah, in our text, in the portion we have read, we have no journalists. God Himself is silent.

Only when Isaac is far away from the theatre of hostilities, in Beer Sheva, 26: 23, only at this point, God appears to Isaac and reminds him the promise made to Abraham. God has been silent throughout the whole period of the conflicts, the tribal war. When the Philistines destroyed all the wells, that could have benefitted all the populations in the area, and replace them, actually, with nothing. With afar, sand, dust. With the desert. And God was silent.

I would suggest that God is not impressed by any claim of authenticity. God appears to Isaac, and reminds him the promise made to Abraham and the merit that Abraham had gained. “I will bless you and increase your offspring”[26:24]. But this happens only after Isaac managed to solve the conflict by himself, choosing wisely not to quarrel and not to fall into the traps of provocations and retaliation. Commentators maintain that Isaac was discouraged and frustrated, as a middle aged man not able to match the achievement of his father. At this point God enforces his self-confidence. But God does not help him to make peace with the neighbouring Philistines. This is a totally human matter.

The Torah tells us that Abimelech lately searches Isaac, to stipulate a peace treaty with him. His people are now impressed by Isaac’s achievements and realize that fighting a war is a huge waste of time, money and human lives. How did they come to this conclusion, the Torah does not tell.

Abimelech in 26:28 ff.  speaks in the first plural person, like he did the previous time. “We have seen” is just like the previous “you had made us furious”. First person plural: “we”. But now, to propose and sign this treaty, Abimelech appears together with Ahutza, his councillor, and Ficol, the chief of the troops. They are the heads of the civil and the military administration.

Abimelech, that is, the leader of the Philistines, had developed a more pluralistic form of government, had learnt to listen to the people’ needs and will. Now he wants to work for their well-being instead of throwing them into the same, endless, war. Yes, Abimelech repeats the same piece of propaganda “we have never molested you”; but in the end he asks for a peace treaty, so that the welfare brought by the wells dug by Abraham first, and Isaac then, can benefit his people too.

One wonders what the BBC would have reported at that time.

venerdì 17 dicembre 2010

parlare di politica

Questo e' un post indirizzato a quelli che cercano di capire come la pensi io politicamente. 

Avete tutta la mia comprensione, poveracci. Anche per me e' difficile capire dove sto. In un paio di decine di anni ho fatto parte di tre diversi schieramenti di sinistra - prima gli ultimi frammenti della sinistra extraparlamentare, poi i radicali, infine il PCI-PDS e poi di nuovo i radicali. In Italia, quando e se voto, voto generalmente a sinistra. 

Quando ero uno studente di belle speranze, ero convinto che la tradizione politica liberal-socialista e quella comunista italiana, rispettivamente rappresentate da radicali e PCI, potessero convivere, dialogare o persino allearsi. Di roba da cambiare in Italia ce ne era, e ce ne e' troppa: la classe dirigente clericale e bigotta ed il mondo professionale strangolato dalle corporazioni. E d'altra parte la classe operaia, e la piccola borghesia erano davvero la parte piu' sana del Paese:  avevano costretto p. es. il PCI a buttare a mare prudenze clericali quando si trattava di diritti come il divorzio o la IVG.   E poi di acqua ne e' passata, sotto i ponti. Con un sacco di bambini morti dentro, se mi passate la metafora.

Senonche' ho cambiato idea sulla  socialdemocrazia realizzata. Quando ero uno studente di belle speranze, sognavo che il PCI si potesse trasformare facilmente in "Partito socialdemocratico di tipo nordico", vincere le elezioni e trasformare l'Italia in qualcosa di meglio. Oh, intendiamoci, io continuo a credere che non nasciamo uguali, e che l'orfano, lo straniero ed il figlio della vedova -insomma, quelli che stanno ai margini- debbano essere portati al centro. E siccome non ce la fanno da soli, che debba essere lo Stato a portarceli. Per me e' anche una questione di monoteismo - e non c'e' idolatria peggiore di quella del Mercato, che come ogni idolo esige la sua quota di sacrifici umani, stravolge il linguaggio, facendo passare per Natura immutabile quella che invece e' Cultura umana, e pertanto da modificare. Ebraismo significa tante cose, ma se proprio tocca riassumere, come diceva uno che la sapeva lunga, significa che gli esseri umani sono creati ad immagine di Dio, ed ognuno ha diritto allo stesso rispetto e considerazione che si presta a Dio.

Ero convinto di questa cosa quando stavo nel partito che ha candidato Ilona Staller, di cui spero ricorderete le battaglie per introdurre la procedibilita' di ufficio nei casi di stupro, laddove il democristiano Giovanni Leone, ex Presidente della Repubblica, teneva dotte dissertazioni, con citazioni dal diritto canonico (e ti pareva) per "dimostrare" che in famiglia, per definizione, non ci possono essere stupri.

Il fatto e' che la socialdemocrazia, laddove si realizza, e Israele non fa eccezione, e' accompagnata da un fastidioso moralismo. Per quanto riguarda Israele, ad esempio, lo sapete per quale ragione i Beatles -si', i Beatles- non poterono tenervi concerti? Leggetevi questa mezza ammissione di Yossi Sarid, che e' uno degli attuali idoli della sinistra pacifista europea ed il figlio di uno di quegli alti papaveri laburisti, che all'epoca dominavano la politica israeliana. E guardate che e' ben curiosa questa sinistra socialdemocratica ed egalitaria: stabilisce dinastie che nemmeno la nobilta' del Settecento. 

Insomma, stando al compagno Schneider, che sarebbe il Sarid senior, i Beatles erano capelloni e drogati e i loro suoni satanici avrebbero pervertito la bella gioventu' cresciuta nei kibbutz, da cui era venuto lui.  Roba che non so se qualche democristiano si sia mai spinto a sostenere in pubblico, in Italia. 

Questa convinzione nell'obbligo di educare culturalmente le masse e' spesso la conseguenza di un'altra convinzione, secondo la quale il popolo, in quanto tale, e' sempre una massa di coglioni, dalle pericolose inclinazioni individualiste, in cui va instillata una qualche forma di etica basata sull'auto-sacrificio e la negazione della soddisfazione individuale. Che ne dire di uno Stato che si preoccupa di stabilire in cosa consiste la tua felicita', che ti fornisce anche degli strumenti per verificare se la hai ottenuta, e che poi te la misura? Se questo per voi e' essere di sinistra, vi presento il nuovo leader della sinistra europea, David Cameron, che ha introdotto questi stessi principi in quella grande insalata di fesserie che e' il demenziale programma dei Tory.

E c'e' anche un effetto collaterale. Chi ti governa sulla base della convinzione di conoscere cosa meglio edifica il tuo spirito, di solito individua un nemico. E rafforza il proprio potere demonizzando quel nemico, creando attorno a lui una specie di cintura di sicurezza che eviti a te la terribile esperienza di venirvi in contatto. Pensate, di nuovo, alla storia del socialismo israeliano. Nei libri di storia che avete magari preso tra le mani, di solito non ci sta scritto fino a a quale livello e' stato demonizzato Vladimir Jabotinsky e quelli che, come lui, pensavano a uno Stato ebraico piu' simile a una democrazia liberale che ad uno Stato sovietico. Lui ed i suoi allievi venivano gratificati, ma guarda che sorpresa, della qualifica di fascisti, ovverosia il Male assoluto. C'era persino chi usava a sproposito la parola nazista, e le camere a gas avevano smesso di funzionare da meno di dieci anni.

Ma questa brutta storia magari la racconto un'altra volta - in realta' qualcosa ho gia' scritto, qui e qui per esempio, buona lettura.

[DISCLAIMER: onde evitare che il mio blog diventi il terreno di scontro di opposte propagande, in vista di elezioni che non si sa nemmeno se ci saranno, i commenti a questo post verranno tutti censurati. Risparmiatevi pertanto la fatica di scriverli e, in caso facciate parte della eletta schiera degli Opliti del Bene, aka sbroccotronici, ricordate quel che avete sempre saputo, ovvero che il Mossad vi controlla.]  

lettera ai compagni danneggiati

Suvvia, suvvia... 

Se bisogna comprendere le ragioni degli arabi, che vogliono almeno meta' di Gerusalemme, non vedo perche' non essere ugualmente comprensivi con la rabbia ed il disagio di chi vuole almeno meta' della tua macchina; e, mosso da disperazione per via dell'estremismo nel tenertela, ricorre alla arma dei deboli: la vandalizzazione.

Mi starete mica berlusconizzando? Tutto questi casino solo perche' la vostra vettura e' stata danneggiata? Dovreste essere  meno impudenti, e non abitare in centro, come i banchieri e gli oppressori, cui venite apparentati dalla rabbia popolare. 

Dovreste distaccarvi chiaramente, pubblicamente e clamorosamente dalle scelte omicide e suicide di chi vive dove abitate voi. Sono certo che, candidando alle elezioni qualche noto scrittore, potrete lanciare un forte e chiaro messaggio.

lunedì 13 dicembre 2010

simboli e storia

Nei commenti al post su Europa e Shoah ha preso il via una discussione promettente. L'argomento e' la storia. Qui cerco di spiegare come la penso - o meglio, le domande che mi faccio io, che di professione ho fatto lo storico fino a qualche anno fa.

Poniamo che uno storico, tra qualche secolo, decida di studiare la sicurezza stradale nelle citta' italiane, nel decennio tra 1990 e 2000. Inizierebbe leggendo il Codice della Strada, e scoprirebbe che nel 1992 la cintura di sicurezza e' stata resa obbligatoria. Poi guarderebbe le multe spiccate per contravvenzione dell'obbligo, che furono poche, e ne dedurrebbe che l'obbligo e' stato universalmente osservato. Difatti in tutte le vetture in commercio, e poi in circolazione, sono state installate le apposite cinture. Certo, i quotidiani hanno registrato qualche borbottio e a Napoli e' girata la curiosa leggenda della T shirt su cui era raffigurata la cintura allacciata. Ma in genere la legge e' stata massicciamente osservata.

Ed ecco pronto l'articolo per la pubblicazione: guarda che bravo l'autore, che ha messo insieme fonti giuridiche (storia delle istituzioni), fonti di polizia (storia sociale), ha usato metodi quantitativi sui dati trovati negli archivi ACI e Confindustria, e -ciliegina sulla torta- pure qualcosa di stampo francese [certo, tra qualche secolo continueranno a esserci storici di stampo francese] sui rumors, le leggende metropolitane e l'oralita'.

Tutto bene. Salvo il fatto che io, e voi, se siete italiani, avete iniziato a usare la cintura di sicurezza qualche anno dopo il 1992. Io, personalmente, e cosi' i miei conoscenti, abbiamo iniziato piu' o meno intorno al capodanno del Duemila. Quindi quel bravo storico di cui sopra prendera' un granchio clamoroso. Si e' fatto, come si dice, condizionare dalle fonti. Che sono sempre parziali.

C'e' una leggenda su Delio Cantimori, un grande storico. Sembra usasse dire a uno dei suoi piu' brillanti allievi, Marino Berengo, il quale divenne uno dei piu' grandi storici del Novecento: "lei capira' di essere morto solo quando leggera' il suo certificato di morte"O, per dirla brevemente: tu che leggi, lo hai letto il tuo certificato di morte?
Ovviamente no, perche' sei vivo.

Quello che voglio dire, a proposito della inesistenza o meno di questo o quell'ordine scritto di Hitler, e' che il documento, la fonte, e' uno strumento, non un idolo. E i bravi storici sono quelli che riescono a non farsi strumentalizzare. Ad interpretare i documenti e fornirne una interpretazione verosimile, tenendo presente che ogni ricostruzione e' sempre parziale.

Questa e' una affermazione molto, molto impopolare. In seguito alla apertura degli archivi sovietici (e non necessariamente perche' il comunismo e' finito), ho visto affermarsi in Italia una teoria secondo la quale i documenti parlano da soli. L'interpretazione, il contesto non serve. Basta trascrivere la fonte, ed ecco da sola la spiegazione degli eventi. Questa convizione si e' affermata parallelamente al sensazionalismo della stampa - avete presente i diari di Mussolini? che fermava la propria attenzione particolarmente sulla storia contemporanea. Da sinistra, per mostrare che il fascismo non era affatto sconfitto e stava anzi vestendo i panni di Berlusconi e Gladio e P2 e sbroc sbroc. E da destra, per mostrare che per mezzo secolo l'Italia aveva davvero vissuto sotto la minaccia di invasione sovietica, con i cavalli dei cosacchi che si abbeveravano in piazza san pietro. E sbroc sbroc.

Perche' tanti storici si sono prestati al gioco, hanno preso a pubblicare piu' articoli sui quotidiani che ricerche serie? Per tante ragioni, tra cui questa: la professione di storico, come piu' in generale tutte le professioni universitarie, era sotto attacco feroce, nella forma di riforma universitaria. E insomma uno deve campare, pure se e' professore.

E cosi', mentre Tangentopoli  andava riscrivendo la storia del Paese nelle aule dei tribunali, si e' fatta strada la bizzarra idea secondo cui i fatti parlano da soli ed i documenti si limitano a riflettere i fatti. E gli storici si sono trovati indosso i panni del giudice. Investiti cioe' del potere di pronunciare condanne o assoluzioni, in base a riscostruzioni di parentele e complicita'.  Pochi anni dopo Woytyla spiegava al mondo intero che la Chiesa era composta di uomini e che gli uomini sbagliano. Una poderosa riscrittura della storia, anche quella. Finalizzata a teatrali cerimonie in cui i cattolici assolvevano se' stessi in nome della buona fede.

Lo so, lo so, "Il giudice e lo storico" e' il titolo di un libro sul processo Calabresi. Ma io sto parlando di altro. E chiedo ai lettori, secondo voi dove sta la differenza tra giudice e storico? Scartabellavo nelle carte d'archivio dei processi dell'Inquisizione, proprio mentre Di Pietro teneva le sue requisitorie e non sono mai riuscito a trovare una risposta completa e soddisfacente a questa domanda. Ma una risposta provvisoria, ora come ora, e' questa: i giudici pronunciano condanne, o assolvono, dal momento che esistono delle regole, delle leggi. Che nel lavoro dello storico non ci sono.

Ora, date una occhiata a questo articolo qui. Sensazionale rivelazione. Il Reich nazista finanziava in maniera cospicua il Mufti di Gerusalemme, Haj Amin Al Husseini, fondatore del nazionalismo palestinese. Quel bel tomo incassava 50.000 marchi al mese (la paga di un alto ufficiale era 25.000 marchi all'anno). Nazisti tedeschi e nazionalisti palestinesi  -diciamo- condividevano qualche idea a proposito di come migliorare il mondo. Beh, non proprio una rivelazione sensazionale, che i due movimenti avessero qualcosa in comune era diciamo noto da tempo: il contesto, come dire, ci e' noto, e solo qualche allucinato alla estrema sinistra lo nega, ed ha la stessa credibilita' di quelli che ritengono che la Terra sia piatta.

Portare alla luce questo fatto signfica condannare i terroristi palestinesi in qualche tribunale di Norimberga? Magari !, dico io. Purtroppo non va cosi', ed a considerare il nazismo per quello che e', come ho scritto qualche post fa, sono davvero in pochi. L'argomento delle complicita' nello sterminio e' decisamente impopolare, e di questi tempi sono in molti a pensare che "gli ebrei" abbiano espropriato qualche categoria di deboli del tanto redditizio status di vittime.

Il punto e' che nazisti ed ebrei, sono diventati simboli che poco hanno a che fare con la realta' storica. E ogni trattazione delle provate e provatissime complicita' palestinesi ed islamiche nello sterminio, va prevedibilmente incontro alla obiezione farlocca sulla banda Stern, ed il loro progetto velleitario di alleanza tra Stato ebraico e Reich nazista.  Con il quale i nazisti si pulirono il Q, preferendo dirottare carrettate di soldi verso l'altro fronte.

Perche' questo bisogno di simboli? Perche' chi gioca a fare il giudice con i fatti storici, non ha un apparato legale da applicare e in base al quale pronunciare condanne o assoluzioni. Ha un proprio ordine di valori, come tutti. Fino ad un certo punto, tra questi valori ci stava anche il progresso, ed ogni storico aveva una propria idea di progresso; che poi e' sparito dal Pantheon, o anche solo dalla cassetta degli attrezzi degli storici.

E io non sono sicuro che questo sia un male, ma magari lo spiego meglio un'altra volta. Grazie a chiunque vorra' intervenire. Non necessariamente storici, eh. 

l'impossibile integrazione

Come si poteva farne a meno. Gideon Levy,  il giornalista che inventa notizie a proposito dei cani, guarda sconsolato gli effetti dell'ultimo incendio nel nord di Israele. Ora, voi dovete sapere che la ricerca del colpevole, in Israele, e' uno sport nazionale. 

Cosi', dopo questo orribile incendio, ci sono quelli che se la prendono con i haredim e con quel ministro ultraortodosso che non ha comprato abbastanza autobotti, ci sono i haredim che se la prendono con quelli che dissacrano il Sabato e poi c'e' Gideon Levy, che anche da un incendio trova le ragioni per sfoderare il solito refrain. Cui risponde, da par suo, Z blog: da leggere tutto con attenzione, ma intanto qui c'e' un assaggio:

Scrive Levy:
This leads to the second, unavoidable conclusion, which should penetrate very deeply, not only among diplomats and commanders, but also among the many warmongers among us: the only existential option is integrating into the region.

Risposta di Z blog:
Ah, integrating into the region. How exactly? By establishing an absolute monarchy, either de facto or de jure? By executing gays?  By establishing a one party state? By banning all forms of dissent?    By denying the existence of minorities?
Another problem with this argument, from Levy’s point of view, is that he and many who share his opinions think that Israel is already well on the way to abandoning democracy and  becoming a fascist  dictatorship.  If they really wanted Israel to integrate into the region then that’s something they should be applauding instead of bemoaning .

sabato 11 dicembre 2010

l'Europa e la Shoah

Non leggete questo saggio. Limitatevi a metterlo nel bookmark, o insomma, a ricordarvi che esiste. E apritelo di nuovo, stavolta per leggerlo, quando la prossima Giornata della Memoria della Shoah sara' passata.

Perche' in quell'occasione saranno probabilmente stati in pochi a dire le cose sensate che scrive Elisabeth Kuebler. E ci sara' bisogno di ricordarsi che la Shoa puo' essere raccontata adottando il punto di vista dei carnefici [i tedeschi ed i loro complici], delle vittime [ebree], dei testimoni [le popolazioni europee] o della minoranza di non ebrei che ha rischiato la vita per prestare soccorso. Ecco, spero che qualcuno si faccia la seguente domanda: attraverso quale punto di vista e' ricordata, la Shoah, durante la Giornata della Memoria?

Probabilmente, quello a cui avrete assistito, durante la Giornata della Memoria, sara'  stato l'ennesimo tentativo di ricordare al mondo (ed agli ebrei) che non solo gli ebrei sono state vittime.  I governi europei sceglieranno infatti, come hanno fatto finora, di raccontare al mondo che non solo gli ebrei sono stati vittime dei nazisti. Al pari degli ebrei, racconteranno, anche greci ed ungheresi e lituani e russi e polacchi, sono tutti vittime.  

Poco importa che il progetto di sterminio, per dirne una, prendesse di mira esclusivamente ebrei e zingari. Siamo tutti vittime, no? E cosi' lo scomodo argomento della collaborazione con i nazisti [1], da parte di altri bravi cittadini europei, sara' passato sotto silenzio. Un'altra volta.

La Giornata della Memoria avra' celebrato l'eroismo dei singoli che trasgredirono le leggi mettendo in salvo dei vicini, o dei conoscenti, o a volte persino degli sconosciuti. Queste persone verranno indicati agli allievi delle scuole, come esempi da imitare. Con il sottinteso che se tutti fossero capaci di trasgredire quelle leggi, il mondo sarebbe stato migliore.

Ma nessuno spieghera' ai ragazzi per quale ragione furono in pochi a trasgredire le leggi razziste. Significativamente, l'istituzione europea che si occupa della Giornata della Memoria non ha tra i propri scopi il contrasto della propaganda antisemita. Ed in Europa ce ne e' parecchia

[1] Credete che il miracolo economico della Germania negli anni Cinquanta e Sessanta sarebbe stato possibile senza i beni accumulati durante l'era nazista? 

giovedì 9 dicembre 2010

ultime dal mondo accademico

Provate ad immaginare una tesi di dottorato intitolata La persecuzione dei cattolici: una invenzione razzista. O un'altra tesi di dottorato in cui, dopo aver chiarito che in USA, nel 2009, il numero di atti di islamofobia e' stato ridicolmente basso (il che e' vero, eh), il candidato sostenga che tutta la questione dell'islamofobia sia una specie di complotto. 

Credo che i due candidati di cui sopra avrebbero poche possibilita' di discutere le loro tesi.

Invece, pensa un po' che fortuna, questa signorina ha potuto addottorarsi discettando per un centinaio di pagine sulla "Victimhood of the Powerfull", sul razzismo ebraico e sul complotto sionista che obbliga i bambini neri a imparare a menadito la leggenda della Shoa. O giu' di li'.

Si', certo, la signorina e' ebrea. Come Rosa Luxemburg, che due anni prima di morire, nel 1917, scriveva ad una amica di non avere nel suo cuore alcuno spazio per le sofferenze del popolo ebraico. Le importavano di piu' le sofferenze di altri. 

A me queste persone fanno davvero pena. Il loro ebraismo consiste in un vago impegno per la giustizia sociale, che poi si riduce a una specie di era messianica in cui cadranno le distinzioni tra ebrei e non ebrei. Come voleva Paolo. E vabbe', se essere ebreo ti pesa, vien da dire, fatti tuoi. Nessuno ti obbliga, grazie a Dio, a stare da questa parte di quella che tu credi sia una barriera di separazione dal resto del mondo. 

Ma nulla, questi continuano a sognare un mondo in cui tutti gli ebrei potranno (o saranno costretti a) gettare via questa imbarazzante appartenenza. Giusto per non sbagliarsi, loro preferiscono sbarazzarsene prima. Sicche' la loro militanza per la giustizia sociale si riduce a una crociata contro "organizzazioni ebraiche" ricche e potenti, con i Savi di Sion al comando.

La dottoranda dedica il primo capitolo della sua tesi al racconto del proprio percorso ideologico. Ovvero: della contemplazione del proprio ombelico. Probabilmente fa parte della atmosfera culturale di questi anni, dominati (anche) dalla  cultura del piagnisteo:  casi patologici di gente dalla bassissima stima di se' che, per riscattarsi, si sentono obbligati all'impegno in campagne contro i mulini a vento; e piu' la battaglia e' autolesionista, piu' si sentono eroi. Problemi psicologici loro.  Eppero', che le Universita' diventino lo spazio per esibirle, queste nevrosi, mi fa comunque impressione. 

Tanto per cambiare, e' un genere di deliri che, come ho detto sopra, prende di mira gli ebrei e non altri gruppi sociali. Ma pensa che fortuna.

domenica 5 dicembre 2010

voleva fare benzina

e invece:

Gas companies refuse to fuel Iranian FM's plane

E poi ci sarebbero i successi della campagna per il boicottaggio di Israele; pare che anche all'ONU il famoso Rapporto Goldstone vada perdendo credibilita'

lunedì 29 novembre 2010

nevrosi semitiche

C'e' una variante del farlocchismo che ha una indubbia lunga durata, eppure mi lascia perplesso ogni volta che ci inciampo. Ha a che fare con Israele, e di solito affligge persone di origine ebraica. O comunque individui che avrebbero tutta la possibilita' di immigrare in Israele, diventarne cittadini e dare il loro prezioso contributo alla vita politica locale. Magari portando un poco della sapienza accumulata in decenni, ma che dico: secoli, manno': millenni! di esistenza diasporica. 

"La mia famiglia viene da secoli di pacifica convivenza con l'islam". Fantastico: perche' non vieni in Israele a insegnare come si fa? "Conosciamo troppo bene, in quanto ebrei, i frutti malati del fanatismo e della intolleranza sbroc sbroc". Bello, bellissimo, perche' non vieni a dare il tuo contributo? "Derivo dalla mia appartenenza ebraica soprattutto una dedizione alla laicita' dello Stato". Lo sa solo l'Onnipotente quanto bisogno c'e' in israele, di separazione tra Stato e religioni. 

Peraltro, di solito, questo genere di farlocco non ne puo' piu' del governo Abberlusconi. Sarebbe quindi piu' che motivato, o motivata, a levare le tende e spostare armi (nonviolente) e bagagli (culturali, eggia') in lande dove, e non scherzo, c'e' un disperato bisogno di cultura politica liberal democratica e socialista. Dal momento che, ed eccovi servito il caffe', chissa' che non vi svegliate, la cultura politica di Israele e' la stessa della popolazione che ci vive, ovvero ondeggia tra il tribalismo nordafricano, e il socialismo romantico esteuropeo. Poco, pochissimo spazio per i diritti dell'individuo e quanto al rispetto della legalita', stiamo parlando di un Paese nato grazie alla immigrazione clandestina. 

Invece no. Farlocco (o Farlocca) se ne sta alla finestra. Ad elargire perle di sapienza diasporica, a bearsi della incertezza della propria appartenenza ed a sbattere con furore tale beatitudine in faccia a chi, di quella stessa appartenenza ,ha deciso di farci qualcosa di piu' che una serie di ricette di cucina [questo e' un riferimento pesante a chi insegnava che l'ebreo deve essere tale in casa, e cittadino al di fuori. Qui, se volete sapere cosa significava].

Il mio amico Yossarian  parla di chi, tra i suoi coetanei, "ha mischiato il Maharishi Yoga con Che Guevara". Che sono, se ci pensate bene, due begli esempi di fuga dalla responsabilita'. Io trovo particolarmente irritante, in ambito ebraico, chi adotta la stessa attitudine. Anche perche' ha per solito una certa fastidiosa abitudine a contrabbandare versioni di fantasia della storia di Israele, appoggiare strampalati progetti di suddivisione della nostra capitale oppure dubbie organizzazioni per i diritti civili. ecc. ecc. 

Non vive in Israele, ne' ha intenzione di immigrarci. Quindi non ha alcun interesse alla sopravvivenza di quello Stato. Pero' conosce perfettamente quel che scrivono Unita' e Repubblica sull'argomento, e si sa che quella e' roba che non si puo' mettere in dubbio. E ognuno, peraltro, ha i propri testi sacri.  Questione di appartenenze.

l'interessante mappa di Peace Now

Qui si vede che, per Peace Now,  settler e' qualsiasi ebreo che vive dentro la Citta' Vecchia.

C'e' in giro in effetti questa leggenda secondo cui, quando Gerusalemme non sara' piu' ebraica, la pace regnera' nell'Universo. Ci credeva, per esempio, Sant'Alfonso Maria De Liguori.

Che evidentemente ha ispirato quelli di Peace Now. Vai un po' a scoprire come mai non sono cosi' popolari in Israele...

mercoledì 24 novembre 2010

Franco Frattini e Google Translator

"the state of play of the peace process" "in order to finally get the result" "to persuade and to remove some reluctances that still exist in Europe to practically implement the upgrading" "We've already reached a decision in that sense" "there are no boundaries, no limits, to improved cooperation in all the industrial sectors" "we also are going ahead with very interesting projects that I can define as triangular". 

 Franco Frattini, Ministro del Governo delle tre I. 
Con la collaborazione di Google Translate.  Fate una prova

[hat tip a Lara]

martedì 23 novembre 2010

Rom a Gerusalemme



Piaciuto? Se vi interessa l'argomento, qui c'e' un articolo che dovete leggere. E vabbe', occorre registrarsi. Ma c'e' la foto di un amico mio. 

There is immense prejudice against the Gypsies in Palestinian society  [...] I have sat with educated Palestinians and heard very negative prejudices against the Gypsies… It showed me the underside of Palestinian society. I was able to see how they treat their own minority and it was quite disturbing.
[...]
There is a lot of prejudice and they [i Palestinesi, ndt]  feel oppressing the Gypsies is natural. The Jewish workers in the municipality are usually extremely sensitive and show solidarity and support"

Quale sorpresa, nevvero?

domenica 21 novembre 2010

la storia di un bambino e di due ometti piccoli piccoli

Questo post e' indirizzato a quel sociologo che un giorno sara' interessato a una cattedra in neuropsichiatria, e si dedichera' allo studio di forum, newsgroups et similia [1].

Il mio amico David, che blogga su Treppenwitz, ha oggi pubblicato questa bella storia. 

"I was recently examining an 8 year old boy. He looked like a regular kid wearing a T-shirt and shorts. I was in the middle of doing a retinoscopy when in the distance I heard the siren of an ambulance, as happens in any city from time to time.
The 8 yr old boy asked me if I could stop the exam.
I thought that he wanted to go to the bathroom. But what he did instead was to recite Psalm 121 by heart in Hebrew to pray for the well-being of whoever it was in that ambulance.
When he'd finished, he let me carry on." 

Non so voi, ma io ho trovato molto commovente questa storia, per tanti motivi.

Gerusalemme e' una citta' complicata, diciamo in cui corrono passioni molto accese, e questo e' un bambino di otto anni, che prega per la salute di uno sconosciuto che potrebbe benissimo appartenere a una delle molte tribu' estranee o addirittura rivali (rivali della sua, qualunqua essa sia) che percorrono quella citta'. La persona che sta nella ambulanza potrebbe essere ebreo, arabo, gay,  ultraortodosso, musulmano, cristiano, hiloni e via specificando. La convivenza tra queste tribu' non e' facile, e ci sono certo bambini che dai propri genitori non imparano esattamente che ogni essere umano e' una immagine di Dio. E, anche se magari vi hanno raccontato il contrario, da noi non esiste l'apartheid, nemmeno per quanto riguarda le cure mediche.

Tra l'altro, ognuna delle popolazioni delle enclavi di questa citta' ha anche un proprio codice di abbigliamento, e questo ragazzino non porta nemmeno le insegne di alcun gruppo specifico. Voglio dire che non e' particolarmente datih, religioso. Probabilmente i tre servizi quotidiani dell'Ebraismo, e cinque di Sabato, non fanno tutti parte della routine. di casa sua. Che abbia una propria sensibilita', religiosa o meno, e che la mantenga in questa citta', e' secondo me una cosa bellissima.

Bene, oggi ho postato, come si dice, questa storia. Ci ho dato un titolo polemico, facendo eco ad un tale che, come in questo post qui, prova un particolare piacere a ricordare ai lettori che il tale criminale e' ebreo. Fa un po' parte della sua teologia, diciamo. Lui e' convinto che esista qualcosa come la natura umana, che essa sia fondamentalmente cattiva, che la pratica del cattolicesimo la possa migliorare, che quella dell'ebraismo finisca comunque per peggiorarla, e che la cittadinanza israeliana copra le peggiori malefatte. La mia e' stata una provocazione tutto sommato riuscita, visto che il tizio si e' levato dalle scatole, probabilmente cercando qualche storia ugualmente edificante, ma appartenente alla religione giusta (quella di Pio XII, per intenderci).

Le risposte che ho ricavato al mio post sono invece piu' interessanti. La prima e' questa. Per una specie di automatismo, quando questo tizio legge che ci sono ebrei a Gerusalemme si sente obbligato a ricordare che ci sono anche "quelli che espropriano palestinesi". Che i figli di questi palestinesi tirano pietre. E che questi tiratori di pietre vengono ammazzati. Notate il plurale. 

Che poi uno vorrebbe chiedere, a codesto sapientone, tutto questo cosa c'entra con un ragazzino che dice delle preghiere per la salute fisica di qualcun altro. Il quale qualcun altro potrebbe benissimo essere uno di quei ragazzi lanciatori di pietre -se proprio sei convinto che gli scambi sassi contro proiettile siano una faccenda quotidiana; non lo sono, ma mi guardo bene dall'importunare i tuoi sogni con la realta'... No, dai, davvero. Qualcuno ce la fa a spiegarmi cosa dovrebbe fare questo bambino, secondo il sapientone dai riflessi automatici. In quale modo puo' espiare il peccato mortale di vivere a Gerusalemme, come milioni di altri ebrei del passato, del presente e sperabilmente anche del futuro?

Vabbe', poi c'e' quella riga sulla strumentalizzazione. Che io son qui che mi scervello e non vedo dove cavolo sia, la strumentalizzazione. Il post, per come lo vedo io, contiene una scemenza tratta dai media e ampiamente generalizzata (il plurale dello scambio di pietre contro pallottole). A cui il sapientone aggiunge una stronzata -"Bisognerebbe pensarci..."; in effetti se te lo scrivo qua vuol dire che ci ho pensato, no? "prima di" [segue riferimento a roba che non ho fatto ne' io ne' i lettori, e nemmeno quel bambino].

Uno qui potrebbe osservare che non tutti gli espropriati del mondo tirano sassi - per dire, gran parte degli ebrei cacciati da Gaza, che ancora adesso vivono in camper e caravan, non hanno tirato sassi contro nessuno. Ma il nostro sapientone evidentemente considera connaturato alla natura degli arabi di Gerusalemme, questa propensione alla lapidazione. E vedete un po' voi chi e' razzista.

Allora, siamo arrivati alla seguente somma: scemenza, stronzata, fregnaccia razzista. La persona normale si accontenterebbe, voglio dire se fossimo nel corso di una conversazione tra avventori dello stesso bar, uno che ci e' andato giu' pesante in quel modo si aspetterebbe magari una risposta. Se il suo modello di comunicazione non fosse il monologo, voglio dire. Invece no, il nostro sapientone si sente in bisogno di aggiungere una carognata, ovvero di sparare a casaccio una meta-cazzata, una delle accuse piu' odiose. Quali siano le basi, come ripeto, nessuno lo sa.

Perche' si tratta di una meta-cazzata? Perche' e' fondata su una cazzata, quella genealogia del lancio di pietre che il sapientone da' per realta'. Gli levi l'effetto di realta', gentilmente provvisto dai media, e cade anche la accusa di strumentalizzazione. Fa figo, buttare li' una accusa di questo tipo, indirizzata tra le righe alla intera popolazione ebraica della citta' di Gerusalemme (salvo quelli che manifestano nelle manifestazioni che piacciono a lui) deve dare l'illusione che stai alzando la voce, un po' come faceva Vittorio Sgarbi quando lo invitavano ai talk show per fare la macchietta collerica. 

Passa poco tempo e compare una seconda risposta.  Questo qua evidentemente ci trova qualcosa di male in un ragazzino che sa a memoria una preghiera ebraica. Che non e' proprio una cosa difficile, in un Paese la cui lingua ufficiale e', appunto, l'ebraico. Si tratta, ricordo, di un bambino che se ne sta buono buonino su una sedia, mentre il medico gli fa un esame di retinoscopia. Mentre fuori corre una ambulanza, e credetemi le ambulanze a Gerusalemme vanno davvero veloci. 

Ora, io potrei capire la stizza del commentatore se avessimo a che fare con qualche superstizione secondo la quale recitare il Salmo 121 in ebraico sostituisce le cure mediche. Ma le cose non stanno affatto cosi', l'ebraismo incoraggia la ricerca scientifica e Israele ha il sistema sanitario che ha.

Quindi che altro doveva fare, povero bambino? Scapicollarsi piu' dalle scale a vedere se poteva essere di aiuto in maniera piu' razionale, positivista, scientifica ed illuminista?  E siccome questo non e' scientificamente possibile, avrebbe dovuto starsene dove stava, ed evitare al lettore italiano lo sgradevole pensiero di quel che fanno i preti? Magari, chesso', avrebbe potuto dire  ma chi cazzo se ne frega, sara' un arabo dimmerda, ridatemi la mia playstation cazzo, devo ammazzare qualche altra dozzina di negri che poi passo al livello superiore, cazzo. Sai che bello, davvero un bambino libero da condizionamenti ed appartenenze tribali. 

Che poi, questo commentatore, ci tiene a far sapere che lui si lamenta dei preti. Ora, anche io, e' noto, mi lamento perche' i miei soldi vanno in tasca a quei membri del clero che stazionano negli ospedali. A mio modesto avviso non c'e' nulla di male se un membro del clero se ne sta in un ospedale, e probabilmente fa parte dei diritti della collettivita' quello di poter accedere a servizi religiosi e non si vive di sola religione, e insomma qualche ragione per mettere qualche soldo in tasca a quei signori probabilmente c'e' anche [boh, forse no, forse si', ci devo pensare]. Mi fanno invece sicuramente inc...quietare molto quei signori che stazionano negli ospedali per rendere impossibile la vita alle donne che sono costrette a ricorrere alla interruzione di gravidanza.  Ma in questa storia non vedo nessuna imposizione, nessuna coercizione, ricordatevi che il bambino non porta l'uniforme di alcuna delle tribu' di Gerusalemme.

Anzi, con un po' di fantasia si puo' persino immaginare che quel bambino, essendo appunto un bambino molto sensibile, abbia sviluppato una propria spontanea dimensione spirituale, prendendo un po' qui un po' li' dalle varie forme di ebraismo che si incrociano da millenni in questa bellissima e complicata citta'. Che sia anche lui, un po' come tutti gli altri ebrei del mondo, in quella specie di viaggio che si chiama ebraismo ed in cui si ripete cosi' tante volte: veshinantam levanekha, e lo insegnerai ai tuoi figli. 

Non so come si chiami quel bambino molto sensibile, so solo che veste in maniera del tutto normale. E che ha qualche problema agli occhi (e si', io prego che non sia niente). Magari, chissa', ci passero' pure accanto, quando sono nella mia citta'. Potrebbe essere chiunque, c'e' una leggenda ebraica che dice che ogni sconosciuto potrebbe essere il profeta Elia, e questa e' una ragione per sorridere agli sconosciuti. 

Ecco, io trovo commovente il pensiero che bambini come questo saranno adulti che faranno qualcosa di positivo per la citta' in cui vivono e magari per il mondo. Il mondo tiene sempre gli occhi sulla nostra citta', in effetti. E questo pensiero mi aiuta a ridimensionare l'impressione piuttosto squallida che mi lasciano i due sapientoni di cui sopra, che in una storia cosi' bella trovano solo ragione per ripetere al mondo quanto sono stupidi ed ottusi. 

Che poi, se vogliono spiegare ai lettori che ho capito male i loro post, hanno tutto lo spazio nei commenti. 

[1] scherzo, in realta' questo e' un post per restodelmondo, che qui ha fatto una domanda interessante.

tra una balla e l'altra

Elder of Zyon ci informa che la campagna BDS Boycott, Divestiture and Sanctions sta andando maluccio. Il turismo in Israele, invece, va bene. 

In gergo para-fighetto, credo che le due notizie si riassumano dicendo che il brand Israele migliora la propria performance [dal 41o posto in classifica, sale al 30o]. Giusto coronamento degli sforzi di chi a questa faccenda sta lavorando. Se proprio vi interessa saperlo, i brand dei Paesi arabi cadono invece drammaticamente. Quanto all'Iran, solo lo Zimbabwe e' messo peggio. Per capire che significa chiedetevi se andreste in vacanza in Zimbabwe.

Insomma, a questo giro la campagna per il boicottaggio delle attivita' ebraiche,  piu' che danneggiare coloro che dovrebbero esserne vittima, fa piu' male a chi la sostiene. Sara' per questo che inventano frottole.

Tutto questo lo certifica nientemeno che la BBC.  Che, diciamola tutta, non e' affatto male, per essere l'emittente nazionale di un Paese in cui qualcuno ha ancora problemi a riconoscere Gerusalemme capitale dello Stato di Israele.

venerdì 19 novembre 2010

"not an important issue"

Quando meno del 14% della popolazione manifesta poco interesse nella situazione economica, IMHO i casi sono due

-o e' una popolazione di pirla, convinti che la dimensione spirituale sia piu' importante di quel che mettono in tavola;

-oppure hanno molta roba da mettere in tavola. E magari  una ragionevole certezze di continuare a riceverla.

Comunque i dati sono qui

a proposito di Leonardo

Informo i gentili lettori che e' terminata la mia garbata discussione con Leonardo, il tale che occupa la piattaforma dell'Unita' per postarci i suoi sproloqui. La trovate nei commenti al post su Sodoma, che poi e' qua sotto. Ho dato un taglio alla discussione per una questione, tra l'altro, di stomaco: il mio. Voglio dire, io sto davvero male quando penso che generazioni di operai e braccianti si sono levati il pane dalla bocca per fare grande quel giornale, il cui nome adesso e' abusato da uno che non conosce la Bibbia ma puo' citare da Wikipedia. 

E anche per aver fatto un paio di domande a Leonardo: se e' lui l'autore di porcherie antisemite che girano per la rete, quelle in cui dipinge il conflitto in Medio oriente come un scontro tra le forze del Male (ebrei-capitalisti-invasori-neocon e magari pure leghisti, visto che sono anti-islamici) e quelle del Bene (poveri-nativi-dispossessati e messi in lager dai nuovi nazisti). E sbroc sbroc.

Lui prima ha negato di esserne l'autore, poi ha aggiunto che si' e' vero, ma era roba vecchia, e infine mi ha spiegato che lui ha scritto quella roba [pertanto Leonardo, levati di torno, autori di quella roba qui non ne voglio], ma ha aggiunto che lui ha scritto anche tanta altra roba [ho detto levati di torno, perche' autori di quella roba qua non ne voglio]. Ma la risposta, come vedete, e' si'.  

Io non credo che i pochi lettori di questo blog protesteranno perche' e' stata tolta la possibilita' a Leonardo di ripostare qui le schifezze che lui puo' scrivere in molte altre parti della rete. Ma in caso vogliate spazio per le proteste, commentate pure questo post e spiegatemi cosa si perde sottraendosi agli attacchi di Leonardo: uno che sostiene che  ogni bambino ebreo che nasce in Israele toglie qualcosa al popolo palestinese.

Grazie in anticipo e Shabbat Shalom.

lunedì 15 novembre 2010

i pericoli di facebook, twitter etc

Secondo la TV iraniana. Gente che se ne intende.

novita' a destra

Sono impegnato in una affabile discussione con Leonardo, il quale, dopo un paio di paragoni tra Israele e Germania nazista, mi ha teste' accusato di essere un ladro di acque - ma sia chiaro, dice lui: "la responsabilita' individuale e' diversa da quelle collettiva". Cioe': io sono ebreo ma posso sempre salvarmi, evitando di immigrare in Israele e unendomi agli Opliti del Bene nella loro lotta contro i cattivi del mondo. C'e' un posticino per me, nella veste di custode della memoria, basta che non si metta in dubbio la realta' dell'Olocausto Palestinese. E pensa te che fortuna, in questo frangente il Fiume Piave e' nostro alleato.

Avrei qualche idea per altri post ma che ci volete fare ho pure una vita e, in questo momento, della roba da scrivere in real life. Pero' non mi dimentico del blog. Ho fatto un po' di pulizia nel blogroll, levando roba che era diventata ripetitiva. Ed ho aggiunto alla vostra destra una casellina che linka tre (per ora) dei siti di informazione e dibattito che io reputo piu' interessanti. Uno genericamente di destra, un altro genericamente di sinistra ed un altro generico e basta. Se avete voglia e tempo provate a indovinare cosa e' cosa.

Non e' necessariamente facile, pertanto buona lettura.

mercoledì 10 novembre 2010

Sodoma, Veneto.

Caro Leonardo,

ce l'hai una Bibbia? Si', lo so, per te e' roba da neoconi, o peggio da sionisti - che sono la versione cattiva degli ebrei. Ma sono convinto che una copia della Bibbia ce la hai anche tu. Magari quella traduzione che si chiama La Bibbia di Gerusalemme. E che, detto tra noi, non e' un granche'. Oppure quella della CEI, quella cattolica, se possibile -letterariamente- ancora peggio. Se non hai nessuna di queste due traduzioni, vai pure qui. La trovi in lingua originale e con una discreta traduzione inglese. Ci sono pure dei file mp3, in caso ti interessi sentire come suona la lingua originale.

Ora apri Genesi, cap 18 e scendi giu' giu' fino al v. 20 e successivi. Scoprirai la storia di una citta' dove la gente era davvero malvagia, la citta' si chiama Sodoma. Si', lo so, a catechismo ti hanno raccontato una serie di scemenze sulla omosessualita'. Ma il testo non parla affatto di omosessualita'. E a catechismo, nevvero, ti hanno raccontato tante altre scemenze. Molte a proposito degli ebrei. Sono quelle che ripeti in forma di calunnia contro il nostro diritto alla autodeterminazione (riconosciuto pure dall'ONU, tra l'altro). 

La gente di Sodoma era davvero malvagia. Se vuoi un  resoconto di quel che combinavano agli stranieri lo puoi trovare qui Come cosa e'? sono leggende. Leggende ebraiche, si' - diffuse (tra l'altro) in Terra di Israele, dopo la distruzione di Gerusalemme ad opera dei Romani. Le hanno pure messe per iscritto, da quelle parti. Eh gia', curiosamente,c'erano ancora ebrei da quelle parti. Sai, Leonardo, in realta' noi abbiamo sempre voluto tornare da quelle parti, e molti di noi ci hanno abitato per generazioni. Mica come quelli che il mondo chiama palestinesi e che, quando va bene, discendono da gente che stava da quelle parti da meno di due anni prima del 1948. Ma non divaghiamo.

Come ti dicevo la gente di Sodoma era davvero malvagia. Avevano istituito un intero sistema legale basato sulla violenza, che veniva pudicamente chiamata legalita', che consentiva loro di sfruttare e truffare gli stranieri, particolarmente quelli poveri. Per i ricchi si trovava sempre una scappatoia. C'erano pure, come puoi leggere, periodiche orge con partecipazione di bambini. Probabilmente da queste leggende deriva quella fissazione sull'omosessualita' che ha trovato strada poi nel cattolicesimo in cui sei cresciuto. Quella religione che dichiara, proprio come fai tu, che noi ebrei non abbiamo alcun legame con la terra di Israele. Orge, dicevo, con partecipazione di bambini. Gli imprenditori leghisti con il culto della famiglia e la fregola del culo dei ragazzini, almeno, hanno qualche rimorso e se ne vanno in Thalandia, e questo sicuramente lo sai. Ce ne sono pure che vanno a Cuba, ma questo lo scrivi poco volentieri, vero? 

E quel poveraccio a cui hanno rubato tutto quello che aveva? E poi si sono messi a parlargli, per convincerlo che appunto, era un poveraccio che non aveva mai posseduto niente, che quei risparmi che credeva di avere erano tutta illusione. A me questa storia ricorda le molte storie di contadini dalla vita dignitosa, impoveriti dalla -come la chiami tu- globalizzazione, e che scoprono che quel che avevano non e' piu' nulla e si trovano precipitati nella condizione di straniero. Nelle nostre citta' europee. In preda a un sistema legale che non e' ne' piu' umano, ne' piu' giusto, di quello di Sodoma. 

E guarda che carogne. Donano oro e argento ai poveri. Ma non cibo. E quando i poveri e gli stranier cercano di comprare del cibo, gli abitanti di Sodoma, quei bravi ed onesti commercianti, tirano giu' la saracinesca, ormai le regole dicono che e' tempo di chiudere bottega. E il povero muore di fame. Con loro intorno che dicono "Ma che cazzo vogliono, questi stanno meglio di noi, guarda quanto oro e argento". E cosi' via.

Ora torna pure alla Bibbia. Genesi, capitolo 18, versetto 20 e successivi. Il Padreterno, come puoi leggere, era davvero infuriato con gli abitanti di Sodoma. C'e' questo tizio, che si chiama Abramo, che fa un certo discorso al Padreterno. Gli dice che magari ci sono cinquanta persone oneste. O magari quaranta. O venti. Insomma, proprio pochi, e sempre di meno. Un po' come gli elettori del PD nella campagna veneta, ecco. 

Ma, dice Abramo, proprio perche' ci sono quei quattro gatti di persone oneste, che si curano del dolore degli stranieri, che prestano orecchio e mettono tempo a disposizione di chi sta male, magari proprio perche' ci sono quei pochi, la citta' non merita di essere distrutta. Ci sono centinaia di migliaia di persone malvage, vero. Ma ci sono quelle poche decine di persone oneste e di valore. E, guarda che storia, Abramo riesce a estorcere dal Padreterno la promessa che Sodoma non veera' distrutta, se ci sono persone giuste, anche un numero bassissimo. 

Funziona cosi', col Padreterno. Voi che adorate la forza distruttrice della Natura, evidentemente, avete un altro genere di valori. Voi adoratori del Dio Fiume, e della sua Forza primigenia, che distrugge tutti i leghisti, quelli convinti delle ragioni della secesion, come quelli che si sono trovati a votare Lega [costola della sinistra, diceva uno che scriveva anche sul tuo giornale] per bizzarre ragioni geografiche. O quelli che votano Lega ma poi scendono a schiere a L'Aquila e passano giornate nel fango e tra le macerie. Esistono, sai? Te lo hanno gia' ricordato in tanti, ma occorre ripetertelo. Il Veneto ha una percentuale altissima di gente che fa volontariato. E di leghisti. Spesso sono le stesse persone. 

Gli abitanti di Sodoma erano certo peggio dei veneti. Eppure Abramo e' riuscito ad immaginare che forse c'era una minuscola, e sempre piu' piccola, percentuale di brave persone. E che, proprio per via della remotissima possibilita' che queste brave persone rendessero il sistema legale un poco piu' umano, quella citta' non meritava di venire distrutta. Lo so, lo so. Per chi adora le forze della natura le cose sono diverse. Ci sono quelli che sognano il Vesuvio che erutta e distrugge tutti i terroni (camorristi ed onesti insieme); e quelli che sono estasiati perche' il Piave rovescia la propria furia contro i leghisti, e contro quelli che leghisti non sono.

Io seguo un altro genere di valori. Credo che anche in una grande citta' popolata da gente mavagia ci possano essere delle brave persone. O che, figurati, magari persino le persone malvage possano un giorno capire che il loro sistema legale deve essere cambiato. Bazzeccole, vero? La storia del Diluvio che distrugge tutti i cattivi e' tanto piu' appassionante. Un bel Diluvio che caccia via dalla faccia della Terra tutti i cattivi cattivi, e tutti i  cattivi e basta e tutti i semi cattivi. Via, senza distinzione, un bel repulisti. Poi pero' la storia continua, ma questo e' un segreto noto solo a chi ha un qualche legame con la Terra di Israele. Che tu vedresti bene senza ebrei, ma questa e' un'altra faccenda. 

La piena del Piave non cambiera' la cultura del Veneto. Non fara' crescere i voti del PD, anzi e' assai probabile che rafforzera' la Lega, ed offrira' altre ragioni a chi urla alla secessione. E i tuoi sogni di pulizia etnica non cacceranno gli ebrei da Israele, che anzi ormai e' piu' anziano della maggioranza degli Stati esistenti sul Pianeta Terra. E tu continuerai a scrivere e pubblicare articoli, che dicono poco sulla realta' del mondo e molto sulle tue fantasie. Quelle di chi sa di essere sempre dalla sponda giusta. Glielo dice il Dio Fiume, che distrugge i cattivi.

domenica 7 novembre 2010

l'eredita' di Rabin

E dunque, Ytzak Rabin non era per nulla soddisfatto del processo di pace, e prendeva in considerazione l'ipotesi di fermarlo. Lo sostiene la figlia, in una intervista a Yediot Aharonot: " he was someone for whom the security of the state was sacrosanct" - E chiaramente lo Stato di Israele non stava attraversando un periodo di eccezionale sicurezza.

Lo sapevamo gia'. Noi comuni mortali, voglio dire, che oltre ai giornali leggiamo gli interventi parlamentari. Ed ecco qui, infatti, l'ultimo discorso tenuto da Ytzak Rabin alla Knesset.

Rabin NON era a favore di uno Stato palestinese. 
“We view the permanent solution in the framework of State of Israel which will include most of the area of the Land of Israel as it was under the rule of the British Mandate, and alongside it a Palestinian entity which will be a home to most of the Palestinian residents living in the Gaza Strip and the West Bank. We would like this to be an entity which is less than a state, and which will independently run the lives of the Palestinians under its authority.”

Rabin NON suggeriva il ritiro dai territori.   
"The borders of the State of Israel, during the permanent solution, will be beyond the lines which existed before the Six Day War. We will not return to the 4 June 1967 lines.”

Rabin NON avrebbe evacuato Gaza aka Gush Katif, ne' alcun altro insediamento prima che qualsiasi accordo venisse firmato.  
“I want to remind you: we committed ourselves, that is, we came to an agreement, and committed ourselves before the Knesset, not to uproot a single settlement in the framework of the interim agreement, and not to hinder building for natural growth.”

Miriam Shaviv, editorialista del Jewish Chronicle dice piu' o meno lo stesso, e vale davvero la pena di leggere il suo articolo.  L'eredita' di Rabin e' ora raccolta da Netanyahu, che si e' spinto fino ad accettare uno Stato palestinese. I laburisti hanno cercato di continuare il processo di pace anche quando era chiaro che i palestinesi erano interessati ad altro.: abbiamo infatti avuto la seconda Intifada e il trionfo di Hamas. Poco stupisce che gli elettori non ci caschino piu', ed i laburisti sono infatti al lumicino.

Questo e' quel che sappiamo noi comuni mortali. Altri sono dotati di poteri medianici e hanno la possibilita' di parlare con il fantasma di Rabin che ammanisce, addirittura, lezioni di filosofia della storia. E chi sono io per contraddire cotanta autorevolezza.

Faccio solo notare che Rabin non era uno snob, e che il suo fantasma non appare solo nelle riservate stanze della Fondazione Feltrinelli (che deve essere uno di quei posti in cui si decide la storia del sionismo, del movimento operaio e dell'umanita' intera). Lo si vede anche, piu' modestamente,  in televisione.

mercoledì 3 novembre 2010

tutti in kefyah!

Il signor Siham Barghouthi, Ministro della Cultura della Autorita' Nazionale Palestinese non la ha presa proprio benissimo. Barghouthi (eppero', curiosi questi palestinesi, hanno tutti gli stessi cognomi) e' uno che deve avere molto, molto tempo a disposizione. E per cui segue con attenzione anche la moda. C'e' un capo, che e' in giro da un po', che lo ha fatto davvero arrabbiare. Questo:
 Come che cosa e'? Ma e' una kefya, che diamine. C'e' qualcosa pero' nel disegno, o nel motivo, o nei colori, che ha mandato su tutte le furie il ministro della cultura palestinese.

Qui leggete le sue scandalizzate ed iraconde dichiarazioni. E quelle della direttrice dello Heritage Conservation Center di Betlemme, che spiega indignata come, pofferbacco perdindirindina, gli israeliani rubano "il cibo nazionale, i vestiti nazionali e la kefyah". 


La signora pero' non ha nulla da dire contro la delocalizzaione delle industrie palestinesi e il fatto che le kefye  siano da anni prodotte in Cina 


Insomma,  e' la solita storia. I palestinesi cercano di spacciare per vera la leggenda secondo cui gli ebrei non avrebbero alcun legame con la terra di Israele . E' appena il caso di notare che questo tema, quello degli ebrei che mancano di legame con la terra, e' uno dei pilastri dell'antisemitismo europeo. Arrivato agevolmente nel mondo arabo durante la prima meta' del Novecento; e particolarmente amato dai palestinesi, che si considerano i veri portatori delle  tradizioni locali sarebbero loro, i discendenti di gente che ha vissuto nell'area per ben due anni, e scusate se e' poco. 

Come invece spiega Elder of Zyon, che ha segnalato questa divertente storia,  la attuale kefya deriva invece da un indumento tipicamente ebraico, la sudra, di cui parlano non poche fonti.

A proposito, se vi interessa quel modello di kefia, questo e' il sito della ditta produttrice. Tra i colori disponibili, arancione (quello del movimento contro lo sgombero di Gaza) e verde militare.

martedì 2 novembre 2010

2 Novembre


"His Majesty's Government view with favour the establishment in Palestine of a national home for the Jewish people, and will use their best endeavours to facilitate the achievement of this object".

2 November 1917

HAPPY BALFOUR DAY

lunedì 1 novembre 2010

ah ah Amnesty

Elder of Zyon racconta una storia interessante.

Quella dell'attivista per i diritti umani, il cui arresto era stato condannato decisamente da Amnesty lo scorso maggio.

E che ha confessato attivita' spionistiche per Hezbollah.

domenica 31 ottobre 2010

pillole e pseudocoscienze

Per il suo compleanno Uriel ci ha regalato un suo post dei migliori. Ho letto e riletto questo post e credo ci sia molto di cui parlare. Siccome lo conosco ormai da dieci anni, posso dire di essere cresciuto anche assieme a Uriel. E alcune lezioni che ho imparato sono simili a quelle che ha imparato lui. Provo a parlarne qui.

Prima di tutto una riflessione sul nazionalismo, che Uriel nomina solo per inciso, in una nota. Io non capisco cosa ci sia di male nel nazionalismo. Posto che tutti gli internazionalismi che ho conosciuto, vale a dire i tentativi di superare il nazionalismo, altro non erano che la imposizione del nazionalismo sovietico o statunitense, o britannico, o francese, al di fuori dei confini di URSS, USA, UK o Francia. Certo in Italia abbonda gente che si dichiara indifferente al nazionalismo. Probabilmente anche i pesci, se potessero parlare, spiegherebbero che sono indifferenti alla formula chimica dell'acqua

Non e' che l'Italia non sia uno Stato-nazione. E' solo che i meccanismi, piuttosto brutali ed anonimi, della affermazione dello Stato unitario, sono ben nascosti da una patina di cattolicesimo. In teoria il cattolicesimo e' una religione universalista, secondo cui tutti gli uomini sono uguali e peccatori e la madre - Chiesa fa da mediazione con il divino, comprende, assolve e perdona tutti. In pratica i papi sono stati italiani per gran parte della storia, ogni viaggio all'estero di Ministri italiani era accompagnato da monsignori, la politica estera italiana negli anni della DC era modellata su quella del Vaticano, e questo automatismo e' saltato solo da poco.

La Chiesa e' stata la principale oppositrice della unificazione d'Italia, cioe’ della sua affermazione come Stato. Lo attesta la cultura anticlericale delle menti piu' brillanti del Risorgimento; e le elite italiane hanno dovuto conquistarsi il consenso della Chiesa. Che e' venuto a caro prezzo, e si chiama Concordato

L'italiano serenamente anti-nazionalista ha quasi sempre una cultura universitaria umanistica. Vale a dire che il cibo che si e' messo in pancia per poter essere cosi' serenamente estraneo alle appartenenze nazionali viene dallo Stato - nazione che lui tanto disprezza. L'unita' di lingua e' una delle caratteristiche dello Stato nazione e non germoglia naturalmente dal sacro suolo. Viene insegnata, e per poterla insegnare servono insegnanti, da cui le Universita' umaniste con quel che ne consegue - inclusa p. es. la storia. O l'antropologia, se il Paese in questione ha un impero coloniale in cui deve mandare dei funzionari. 

Nei miei anni di Universita' ho incontrato un sacco di gente che voleva emigrare, per solito in Francia, perche' da quelle parti era piu' facile ottenere un dottorato in materie umanistiche, visto che c'erano piu' posti oppure la Francia investiva di piu' nelle Universita', vulgo c'erano soldi non solo per i raccomandati ma anche per i bravi. Vero. E' infatti per la stessa ragione che in Francia le emittenti radio erano (forse sono ancora) obbligate a trasmettere un certo tot di musica francese e non americana, perche' questo crea posti di lavoro per i francesi e perche' la lingua e la cultura francese andavano tutelate. 

Quindi il tizio, che deve la sua cultura e il suo stipendio (quando va bene) alla affermazione dello Stato nazionale (avete notato quanti anticlericali ci sono nelle facolta’ umanistiche?) si dichiara indifferente agli interessi della propria nazione e dichiara la sua solidarieta’ internazionalista con i contadini brasiliani espropriati dai latifondisti. E la’ tra i contadini c’e’, ma guarda un po’ che strano, un missionario cattolico; originario della Bassa Bergamasca. E nei seminari italiani c’e’ la dovuta percentuale di studenti brasiliani, soprattutto ora che non ci sono piu’ italiani che aspirano al sacerdozio cattolico. 

Quindi io non trovo nulla di male nel nazionalismo. Anzi in questo periodo sto traducendo le poesie di uno dei piu’ grandi poeti del nazionalismo ebraico e spero che vengano pubblicate in Italia, dove le librerie sono piene di Celine e Evola, e nessuno ci trova nulla di male, e di Ebraismo defunto e para-internazionalista (in realta’ sovietico e pre-staliniano) ce ne e’ francamente troppo. 

Quanto sopra, in qualche modo, ci azzecca con il post di Uriel a proposito di pseudocoscienza. Perche’ la pseudocoscienza e’ sempre universalista. Uriel parla di un episodio che esemplifica molto bene il modo in cui funzionano la pseudocoscienza, e lo pseudomoralismo. L’episodio vede coinvolta una ragazza cattolica, diciamo piuttosto promiscua. Il senso di colpa le e’ insorto feroce e la ha obbligata a una sequela pirotecnica di frottole, tese a nascondere il fatto che si era divertita, ed a immiserirne la vita sessuale. 

Io qui ho un paio di osservazioni. La prima e’ che in realta’ la ragazza si conformava allo stereotipo della ragazza cattolica, che nei Paesi protestanti e’ di solito vista come un po’ piu’ facile di quella protestante. La seconda e’ che lo scopo della educazione cattolica in un remoto paesino della Calabria di una generazione fa era esattamente quello. Non: privare le giovani di una loro vita sessuale, ma: fare in modo che la loro vita sessuale futura fosse accompagnata da feroci, devastanti e mai finiti sensi di colpa.

Ad ogni orgasmo deve corrispondere un fioretto: idealmente, il piacere femminile deve essere seguito dal sacrificio femminile del tirare su un figlio. Monica, se questo era il suo nome, cercava una giustificazione post-facto perche’ il centro della sua educazione (cattolica), il principale valore che le era stato insegnato era: 

SE TUTTI FANNO COME TE, 
CHE SUCCEDE?

Che e’ la quintessenza dell’universalismo. Tu ti sei divertita, chiusa in un armadio con due uomini. Ma non puo’ diventare la regola di tutte, senno’ salta la famiglia. In realta’, nei decenni successivi, complice (ah ah) magari l’Erasmus, il comportamento disinibito e promiscuo degli studenti universitari e’ diventato regola anche in Italia e miracolo! la famiglia e’ ancora in piedi. 

Con il che torno al laureato in materie umanistiche, che di solito una famiglia non la ha, e che e’ appunto sovranamente indifferente alle appartenenze nazionali. Per qualche strana ragione, costui crede di parlare con la voce del giudice interiore menzionata da Uriel. Ha sempre gli ideali piu’ elevati (liberta’-giustizia-pace-emancipazione dell’umanita’ intera), ha costantemente una empatia per i popoli che lui ha deciso essere i piu’ deboli e diseredati, e disprezza i nazionalismi, particolarmente di quei popoli che a lui sembrano piu’ ricchi e potenti.

Sta parlando cioe’ con la voce della pseudocoscienza e quindi tu, con il tuo nazionalismo, gli fai comunque schifo. Ma di te ha bisogno. Se non ci fosse un sionista nazionalista da condannare, le sue virtu’ morali non risalterebbero in alcun modo, perche’ i suoi ideali universalisti e pacifisti non si sono mai concretamente realizzati in alcun modo e da alcuna parte, e servono solo da metro di paragone per secernere condanne sdegnate. 

Contrariamente ad Uriel, io amo molto la auto-analisi. Non credo sia il corrispondente del girare in tondo per non uscirne mai. So che lui non sara’ d’accordo, ma un giudice interiore ce lo abbiamo tutti. Lo acquisiamo nel corso della nostra maturazione. Credo di dare il mio contributo a questo processo, quella mattina alla settimana in cui insegno in una Sunday school ebraica.

Se qualcuno dei miei allievi bofonchia quando si parla della catastrofe ad Haiti, io mi sento in dovere di riprenderlo e spiegargli che se i suoi compagni di classe (musulmani) nella scuola che lui frequenta durante la settimana, dicono che quella catastrofe e’ volonta’ di Allah e quella roba se la meritano perche’ sono negri (si’, questo e’ quello che dicono, in certe moschee) lui non ha alcuna ragione per associare il suo cervello a quello di quegli imbecilli. Spero in questo modo di rafforzare il giudice interiore del piccolo Simon, che a me sta molto, molto simpatico. 

Quello che trovo dannoso, anzi fondamentalmente inutile, e’ appaltare la gestione di questo giudice interiore a una pseudomorale universalista, che poi altro non e’ che il retaggio clerico fascista e piagnone, secondo cui i poveri vanno aiutati a rimanere poveri sicche’ i nostri nobili sentimenti possano essere sbandierati in faccia al mondo intero, e a noi sia fornita l’occasione di compiere l’ennesimo fioretto. Io e Uriel ci siamo trovati a fare i conti con quella pseudomorale, ogni volta che abbiamo incontrato gente di sinistra, che riteneva loro dovere battersi per i diritti di ogni posisbile minoranza (ebrei, neri, gay, zingari etc etc) a patto che accettassero di venire rappresentati da loro. 

Se stavano fuori dalle elette schiere degli internazionalisti, allora erano reprobi, particolaristi, sciovinisti, razzisti e chi piu’ ne ha piu’ ne mettisti. Comunque da condannare. C’era spazio per il dialogo anche con l’estremista di destra, persino con il leghista; in rete di spazi per questo dialogo se ne creavano. Perche’ con gli avversari si puo’ parlare. Ma i traditori vanno invece soppressi. Non sia mai che passi il messaggio che non rappresentiamo affatto il proletariato accompagnato dagli sfigati della Terra in marcia verso la radiosa redenzione ed il sol dell’avvenire, ma solo le nostre fisime post-laurea, di trentenni universaleggianti. 

Guardate con quale furore gli auto-proclamati rappresentati della sinistra e della tradizione del movimento operaio reagivano (via web, gia’. Che i cortei sono sono un ricordo) ogni volta che si parlava di antisemitismo di sinistra. Si sentono delegittimati dell’incarico di rappresentare, di fronte al Tribunale della Storia Universale, i diritti degli ebrei. Diritti che per loro, pero’, non comprendono uno Stato. O lo comprendono solo se quello Stato si comporta meglio di tutti gli altri. O se riconosce alle popolazioni circostanti il diritto di demolirlo.

Guarda caso quello Stato e’ scandalosamente importante per la maggioranza assoluta degli ebrei di tutto il mondo: e’ il motore della rinascita della lingua ebraica ed e’ l’unico posto al mondo il cui calendario ufficiale e’ ebraico (tu, compagno, a Natale fai i regali, vero? Pure se sei ateo, vero?). Certo che per te questa e’ roba da poco. Ti basta la lingua italiana ed il calendario segnato da santi. Vai fuori di melone ogni volta che trovi qualcosa scritto in ebraico, perche' non lo capisci. Ma perche' non c'e' la traduzione. 

Tu non sei ebreo e per te l’ebraismo e’ una ideologia a carattere religioso e puo’ stare al mondo solo , appunto, tradotta in un linguaggio accettabile secondo la tua concezione di universalismo. Si deve levare quello che per te e’ l’inutile orpello nazionalistico: ma insomma, le altre religioni mica chiedono uno Stato, perche' voi lo dovreste avere. Guarda caso i cattolici trattano l’Ebraismo allo stesso identico modo: mantenere la religione, di cui si proclamano eredi - e togliere il popolo.

 Proprio come i comunisti che ti sbandierano l'origine ebraica di Marx e Lenin e Trotsky.  Il che non fa ne' caldo ne' freddo, perche' anche Torquemada era di orgine ebraica e quei tre, proprio come Torquemada, sognavano un mondo in cui di ebrei e di ebraismo ci fosse solo traccia in qualche museo gestito da loro. Sono finiti nella tomba senza che il loro sogno si realizzasse. Invece per me e’ diverso. Che senza quella lingua e quel calendario non hai ebraismo, ma solo uno studio distaccato, sterilizzato, ed accademico. Roba, di nuovo,  da museo . Ah, quanti musei ebraici hanno aperto le amministrazioni di sinistra!

Vedeste come si incazzano, questi portavoce del tuo giudice interiore ed universalista, ogni volta che gli suggerisci un uso adeguato della bacchetta con cui dividono tra ebrei buoni (perdenti) e cattivi (e vivi). “Ma come, sei un compagno, ma non capisci. Perche’ su questo argomento non vuoi sentire ragioni ? Ti parlo con la voce della tua coscienza, non farla tacere con il nazionalismo”. 

Uriel ha compiuto quaranta enni ed e’ entrato nello stesso club, di cui io faccio parte da un paio di anni. In questi ultimi anni, quelli in cui siamo cresciuti, abbiamo visto l’Italia farsi meno cattolica. La Chiesa sta allentando la presa sulla societa’ italiana: diventare prete non significa piu’ acquisire quel potere che si acquisiva una o due generazioni fa.  E per esempio i sensi di colpa che perseguitavano la sessualita’ delle nostre coetanee sono sempre meno pesanti. Il che vuol dire che forse si sta spezzando anche quel loop basato su pseudocoscienza ed universalismo, che credo di aver individuato e da cui, con qualche fatica, mi sono liberato pure io. Un viaggio che mi piace immaginare simile a quello compiuto dal mio amico Uriel, in questi anni.

Buon compleanno, Uriel. Non lo ho detto molte volte, ma ho imparato molto da te.

venerdì 29 ottobre 2010

Il Guardian e la fame delle giornaliste

La frottola del libro e' arrivata sul Guardian. Qualcuno si e' premurato di informare la giornalista che, appunto, si trattava di frottola.

Lei la ha presa maluccio. Le e' venuta improvvisamente fame.

E infine la redazione ha provveduto a correggere.  Con le buone maniere...

Trovate tutta la storia qui.  [In caso interessi, yossistern sono io. Volevo firmarmi nahum, ma pare che il nick sia gia' in uso]

giovedì 28 ottobre 2010

aha

Arab-Israeli activist admits to spying for Hezbollah

A leading Arab-Israeli political activist admitted to spying for Hezbollah in an Israeli court.
Amir Makhoul, director general of Ittijah-the Union of Arab Community-Based Associations, an umbrella group for Arab nongovernmental organizations in Israel, admitted to charges of espionage, contact with a foreign agent and conspiring to assist an enemy in a plea bargain reached on Wednesday in Haifa District Court.

notizia completa qui.

Googolate il nome della spia, per scoprire se e come i media italici riportano la notizia.

mercoledì 27 ottobre 2010

svago

Siccome non si puo' essere sempre seri, vi comunico che mi sono divertito. Qui.

semiologia della deriva psichiatrica

In questa faccenda ero gia' inciampato. Voglio dire: lo stile dei quattro gatti quattro, che ritengono di rappresentare la parte migliore della parte migliore della parte migliore del popolo ebraico. E che raccontano di rappresentare l'ebraismo intero. In nome del quale, e ti pareva, lanciano strali contro la politica di Israele, indicando alternative -quando le indicano- di solito irrealizzabili o suicide, ma tanto moralmente ammirabili. Per i loro lettori non ebrei, di solito: sapete, quelli che associano ebrei a Shoah o a colpe.

Lo stile, dicevo. Ti danno del pazzo. Deve essere un retaggio di quando il regime sovietico rinchiudeva negli ospedali psichiatrici i "cosmopoliti sionisti". Che e' una bella espressione demente, perche' se il sionista e' un nazionalista (ebreo), come cavolo fa ad essere cosmopolita? Ma certo, accusare il mondo ebraico ,che a loro non da' retta, di essere preda di una forma di schizofrenia, li fa sentire dalla parte del giusto. E permette di evitare di prendere in considerazione quel che viene detto all'interno del mondo ebraico, per rivolgersi all'esterno, nella solita richiesta di aiuto indirizzata agli Opliti del Bene. 

Ma, sia chiaro, anche all'interno del mondo ebraico in molti, anzi quasi tutti, sono d'accordo con loro. E come potrebbe essere diversamente, dal momento che loro possiedono la autentica identita' ebraica mentre tu, con il tuo dubbio albero genealogico, stai solo sposando posizioni nazionaliste per compensare un tuo vuoto interiore. La maggioranza, i veri ebrei, chiedono di smetterla con le atrocita' dell'occupazione e hanno piu' di un dubbio sulla legittimita' dell'esistenza di Israele. Pero' non parlano, sono intimoriti dai raid della psicopolizia sionista che ha occupato le istituzioni e la stampa, in combutta con una combriccola di capitalisti russi mafiosi, di neocon assatanati di sangue arabo e di cristiani evangelici che vogliono fermare il dialogo ecumenico. 

Quindi abbiamo questa gente di buone intenzioni, che utilizza le prime pagine dei quotidiani di tutto il mondo per dare voce alla maggioranza degli ebrei of goodwill che sono perseguitati ed emarginati. E se la vedi diversamente sei un pazzo. O ti hanno lavato il cervello. La ricetta per ottenere la pace in medio oriente e in tutto il mondo e' il ritiro di Israele all'interno di confini indifendibili, quelli del 1967. Come mai la guerra c'era anche prima del 1967 e' una domanda da non sollevare, e chi la pone e' non-goodwill, ovvero e' cattivo, ha dei problemi gravi di identita', e' pagato dai neocon e sbroc sbroc.

Ma provate a osservare che Israele si e' ritirata da Libano e Gaza e col cavolo che c'e' stata la pace in tutto il mondo, anzi nemmeno da quelle parti la si e' avuta. Ti rispondono (e sul serio, pretendono che tu prenda questa roba come una risposta) che in USA e in Israele ci sono gia' voci critiche verso la politica di Israele. A cui, se veramente vuoi essere trendy, dovresti unirti al piu' presto, che altrimenti sei fuori moda. Queste voci critiche israeliane, poi, risultano essere Haaretz, quotidiano di proprieta' (soprattutto) tedesca, letto da pochi israeliani, che ospita sovente editoriali anche di giornalisti di destra. Che non vengono tradotti da Internazionale, gia'; ma ci sono.

Apprendiamo quindi che il pubblico israeliano insomma sarebbe diviso in due, proprio come le comunita' della Diaspora. C'e' una parte, illuminata, che vuole la pace esattamente e che e' d'accordo al 100% con quello che viene pubblicato, nei giorni dispari, da Haaretz, per solito a firma di Gideon Levy. E poi c'e' la maggioranza, composta dai cittadini che sono vittima delle politiche genocide suicide sbroc sbroc del loro governo. Che pero' hanno votato - perche' Israele e' una democrazia, anche se gli Opliti del Bene tendono a dimenticarselo. Democrazia vuol dire che si tengono regolari elezioni, e chi le vince governa. 

Invece, per questi sostenitori della pace e del controllo psichiatrico dei loro avversari, Israele e' una specie di ragazzaccio che deve essere posto sotto tutela, perche' i suoi comportamenti sono moralmente  e politicamente dannosi. E chi puo' tutelare la moralita', se non loro, i depositari della millenaria sapienza politica della Diaspora? Dico, politicamente quella della Diaspora ebraica e' una storia di completo successo, di accurata scelta di alleanze, sempre le migliori e sempre quelle vincenti. Ogni supporto, anche solo "implicito" (non dimenticatevi, questi sanno leggere nel vostro pensiero) alle politiche del governo Netanyahu (e non il governo eletto dagli israeliani) e' deleterio per la moralita' dell'Ebraismo e il futuro dello Stato di Israele. E del Medio Oriente. E del mondo intero. E sbroc sbroc.

Come dicevo, sono gia' inciampato in questo sbroc sbroc. Che di solito si fa forte di manifesti firmati e pubblicati altrove. Uno di questi manifesti e' stato magistralmente analizzato, e smontato, da Georges-Elia Sarfati, un semiologo francese. Se avete tempo, leggete il suo saggio. E' un po' complicato, ma vale la pena. Se si vuole arrivare a posizioni razionali e ponderate, evitando il richiamo di chi preferisce lo slogan urlato e -gia'- il richiamo della appartenenza alle elette schiere degli Opliti della Pace e del Bene.