sabato 10 dicembre 2011

Vayshlach

The Yabbok is a tributary of the Jordan River. Biblical archaeologists identify it with a river called Zarka in Arabic, that runs through a deep ravine in northern Jordan. It is mentioned in the Pentateuch as the northern boundary of the territories of the Israelite tribes. But the Yabbok is especially known for having been the scenario of the wrestling of Jacob with ish, a mysterious man mentioned in Gen 32:25.

Who was this mysterious man? In the Targumim, Aramaic translations of the Biblical text read in the early synagogues, it is mostly identified with an angel. Not one of the chubby babies we are used to see in the works of Christian painters. Rather, such an ish is explained to be an emissary from the Other World, resembling an human being. Only through the fight, because of its superhuman strength, Jacob comes to understand that, despite its semblance, it cannot be a man. It is too strong, too resilient: the battle went on for a whole night.

Midrashic sources, like Bereshit Rabbah, maintain that such an ish was a brigand. Not a rough street- bandit, a robber, but a rather a sophisticated financial criminal. He saw that Jacob was a wealthy man, who could send droves of goats, cows, bulls and rams as gifts to his brother. So the brigand comes to the side of the Yabbok with his flocks and his camels, and proposes to Jacob a transaction: “Let’s put our assets together, and they will grow in number and will give us profits”. But Jacob realizes that there’s a trick, that the mysterious ish is not an honest businessman but a sorcerer with whom it is very dangerous to get along.

Medieval commentators evoke both these two characters: the emissary from the Other World, and the shrewd, deceptive sorcerer. They maintain the ish was an evil force. According to Rashi, for example, it was the guardian angel of the most deceptive and cruel man of that time: Esau. The whole purpose of the fight was to prevent Jacob going on, crossing the Yabbok, to continue his journey towards the reconciliation with his brother.

Contemporary commentators are indeed less comfortable with guardian angels. Etz Hayim, the Torah Commentary published by the Rabbinic Assembly of the American Conservative Movement, points out that this mysterious entity, in the mind if the author of the text, could even be the demonic guardian of the Yabbok river, a sort of local deity with whom Jacob struggles in his most lonely hour.

But regardless of the origins or the purposes of that ish, all the commentators point out that the struggle, the fight, happens when Jacob is alone, just before a crucial moment in his life. Jacob is aware of the relevance of that moment: he is to meet with his brother, with whom he lost contact decades before.

All the memories of that troubled relationship come to surface. Jacob is struggling with his past; literally: with his conscience. The ish might have been deceptive, shrewd businessman-like: but Jacob himself had been deceitful with his brother, stealing a blessing which was destined for Esau. The mysterious man can be an emissary from the dark, Other World. Jacob, exactly at this point, is dealing with the darkest part of his past.

And what sort of a fight was it? Every fight has its rules, and indeed the mysterious ish become a rather sporting gentleman towards the end. He and Jacob realize none of them could win completely, so Jacob asks for –and receives- a blessing.

Given that it was a fair match, which were the rules of that fight, on the Yabbok’s riverside?

Jacob, as we know, was not an athletic type. He was thin, and slender, like Daniel Mendoza, a Sephardi Jew, who in the XIXth Century was a famous boxer in England. Thanks to Mendoza the stereotype of the weak, cowardly defenceless Jew was eradicated from the British press –at least for a generation. So, were they, on the Yabbok riverside, trading fists against each other, like in the modern boxing?

Or was there, between Jacob and the angel, a match of krav maga? Krav maga, is a martial art developed at the beginning of the State of Israel, by an Israeli soldier, Imi Sde Or – born Imre Lichtenfeld in Bratislava. Krav maga consists mainly in kicks and punches aimed firstly to remove weapons from the opponent’s hand and, secondly, to hit his vital organs.

In other words: on that crucial night, was Jacob trying to hit violently his opponent’ vital organs? Did he feel threatened as if that mysterious ish was carrying a lethal weapon? But no weapons are mentioned in the Torah; and, as I have said, it looks like it was a rather fair fight.

I tend to think it was a less violent form of physical confrontation. I think it was a matter of agility. There have maybe been kicks and punches, but probably more twists, grabs and throws. In that match, to my mind, Jacob and his opponent did their best to force each other to loose balance, to fall down, to end up lieing down on the ground defenceless. Something like an Aikido match, where the winner is not the most strong, the most powerful, but rather the most agile, the one who is able to turn against the opponent, the same strength and power with whom the opponent is trying to hit him.

For a whole night, on the river of the Yabbok, Jacob is fighting with a mysterious ish, a man who represents his past, who wants to prevent his reconciliation with Esau. It was a confrontation that Jacob had tried to avoid for years. Now he has sent lots of gifts to his brother. He tried to appease him and maybe he thought Esau would be satisfied with his share, and will avoid the troubling moment of face-to-face. But the opponent, the ish, the man, is more agile, grabs Jacob and forces him to confront his past. We do not know how many twists and turns happened that night, how many times Jacob, or his opponent, came closer to total defeat, to be exposed to the other’s mercy.

The Torah leaves all the details to our imagination. But it tells us that Jacob emerged from that confrontation as a more complete human being: that despite the physical wounds that he found on his body after that match, he was ready to make peace with his brother, to confront his past and to move forward.

He discovered his weakness, certainly: but, definitively he also discovered his humanity.

martedì 29 novembre 2011

Questa vignetta fa schifo

Questa vignetta era su Il manifesto di oggi.


Le ossessioni di Berlusconi sono comiche ed e' possibile sfotterlo in ogni possibile modo. Mi chiedo pero' che bisogno ci sia di parlare della sua impotenza (politica e sessuale) ricordando ai lettori italiani la triste condizione di chi invecchia, ammalato, nell'Europa di oggi, Italia compresa. 

Tra le persone che invecchia(va)no andrebbe incluso anche Lucio Magri, fondatore del quotidiano comunista, che se ne e' andato per sua scelta la notte scorsa. Ma mentre Magri invecchiava, nessuno ha pensato di fare battute sui suoi cateteri o le infermiere. O l'impotenza dei comunisti. 

Il manifesto e' un quotidiano... Boh, trovate voi la definizione. Tra l'altro anche Vauro, autore della vignetta pseudo umoristica, non e' proprio giovanissimo.

giovedì 27 ottobre 2011

Brian di Nazareth

Non c'e' discussione: Life of Brian e' un capolavoro. Non lo avete visto? Cavoli vostri. Lo avete visto? Bene.

Vi ricordate quando Mel Gibson spedi' nelle sale cinematrogafiche il suo polpettone antisemita splatter, con l'espresso desiderio di fare incazzare gli ebrei? Abbiamo perso una occasione. Avremmo dovuto organizzare proiezioni, in contemporanea, di quella straordinaria pellicola. E sono certo che sareste tutti venuti a rivedere di nuovo i Monty Python, altro che l'incubo splatter in aramaico di un alcolizzato. 

Ieri mi sono trovato a parlare di questo film con un paio di amici. Una che si occupa di dialogo inter-religioso va pazza per questa scena.


 Un nostro amico latinoamericano preferisce questa:



La mia esperienza con la sinistra italiana, infine, mi porta ad apprezzare questa scena:

martedì 6 settembre 2011

le sfumature del diritto

Carina, questa storia. Dunque: il nipote di Leibowitz, un tale di ottima famiglia che ha abbandonato Israele per trasferirsi a Washington, dove campa facendo il traduttore dall'ebraico. Si trova tra le mani le registrazioni delle telefonate della ambasciata israeliana. Che gia' e' roba illegale - registrare telefonate, dico. Contrario ad ogni norma del tanto strombazzato diritto internazionale.
E che fa? Le passa a un altro tizio, che scrive un blog dal titolo orwelliano ("rendere il mondo un posto migliore"). E questo secondo tizio, avendo a che fare non con un crimine, ma con due, ma essendo comunque abituato a muoversi in un universo orwelliano, ritiene di avere davanti a se' un genuino patriota americano (!), e quindi pubblica tutta la roba sul suo blog [non ve lo linko, trovate tutte le informazioni qui]. Poi, il coraggioso, si caga in mano e cancella tutti i post che possono portare qualcuna delle informazioni che Leibowitz gli ha passato.
Questo e' il genere di persone che brandisce le dichiarazioni ONU ed il diritto internazionale ogni volta che si tratta di condannare Israele. Cioe' sono ebrei che attentano alla sicurezza dello Stato ebraico. Per come la vedo io, sono del tutto simili a quegli italiani che, nel nome della sicurezza dell'Italia, collaboravano con strutture piu' o meno legate ai servizi segreti di vari Paesi, e disseminavano l'Italia di bombe. I camerati di Pino Rauti e Stefano Delle Chiaie, insomma.

fantasie metropolitane

La fantasia di chi va alla ricerca di segnali della fine di Israele si e' esercitata anche sulla educazione degli haredim, che farebbero troppi figli. C'e' un altro gruppo sociale che ha un alto numero di figli per famiglia, gli arabi. Ma nessuno scrive mai che gli arabi fanno troppi figli. E siccome il sistema scolastico dei haredim e' quello che e', e questi non possono inserirsi nel mercato del lavoro, ecco pronta la lagna allarmata sulla bomba demografica ad orologeria e la profezia sull'imminente collasso di una societa'sempre piu' capitalista ed indifferente verso i poveri.
Che tradotto si dice: "bla bla come sono egoisti questi ebrei, mica andra' sempre avanti cosi'".
Ora Haaretz ci informa di come le cose stanno cambiando:


Ma naturalmente non vedremo molta gente prendere nota. I sostenitori della diagnosi apocalittica sui fallimenti del progetto sionista cercheranno con disinvoltura altri fattoidi a supporto della loro retorica. Immaginare che lo Stato ebraico possa continuare ad esistere va contro le loro convizioni religiose (o morali, o filosofiche). I settori particolarmente allucinati continueranno a ripetere dati non aggiornati, o semplicemente ad inventarseli. E ci sara' qualcuno che dice che non e' mai abbastanza, quando persino Haaretz parla di mutamento storico.

Con la metropolitana di Gerusalemme, se ci pensate, e' successa la stessa identica cosa. Prima si e' urlato alla violazione dei trattati internazionali, c'era chi la aveva gia' definita "metropolitana dell'apartheid". E' seguita un po' di cagnara sul boicottaggio, ma comunque i lavori sono finiti ed anche ben finanziati, pure in un periodo in cui le banche erano non proprio entusiaste.

Il collaudo e' durato un paio di mesi, durante i quali si vedevano correre convogli  nuovissimi e ovviamente vuoti. E naturalmente anche quelli erano un segno spettrale della arroganza dei sionisti, del fallimento dello Stato, della fine del mondo e della imminente guerra civile che gli islamisti stanno scatenando, offesi dalla pretesa degli ebrei di dichiarare Gerusalemme loro capitale, e da quella metropolitana che collega gli insediamenti con il centro bla bla.

Tre quarti di chi urla queste cazzate non saprebbe indicare sulla mappa dove stanno i quartieri che fin dal 1949 l'ONU riconosce come ebraici: ma che te ne fai dei fatti, quando hai la fede dalla tua parte. Adesso, con gran soddisfazione di tutti, la metropolitana di Gerusalemme funziona, cittadini arabi se ne servono quotidianamente e il traffico in centro e' diminuito.


Pazienza per i pessimisti, che sono gia' alla ricerca del trucco. E di altri segnali della fine imminente, che certamente troveranno. Devono comunque fare una vita di merda.

sabato 20 agosto 2011

parliamo di sesso

Dai, la avete sentita tutti. Per una versione particolarmente ottusa, andate a leggervi quel bijoux che e’ il blog di Benedetta Cordaro[1]. La concezione ebraica della sessualita’ (come quella islamica) sarebbe un inutile e intricato insieme di regole, che fa sentire le donne fondamentalmente impure e sporche. Infatti Gesu’, nei Vangeli, e’ il grande liberatore delle donne, le tocca e le sfiora e le riscatta da questa condizione di oppressione cui le costringerebbe quella superstizione patriarcale che va sotto il nome di ebraismo. Ida Magli ha ricamato su questa faccenda con uno di quei libri che da solo è una offesa al buon senso - ed un peana alla Vergine Maria. La concezione cattolica della sessualita’ sarebbe piu’ semplice e naturale: dopo il matrimonio via con il divertimento e bando a tutte quelle nevrosi sul sangue mestruale.

Tanto per cominciare. La concezione cattolica della sessualita’ ruota intorno a peccato e grazia. Se hai rapporti fuori dal matrimonio sei in stato di peccato. E cioe’ sei impuro, o piu’ spesso impura, tale e quale una donna ebrea che ha avuto rapporti sessuali durante quei giorni. Con la differenza che la donna ebrea si reca in un luogo appartato, si immerge, ne esce e sono affari suoi (via con il divertimento, appunto), laddove la donna cattolica deve raccontare quel che ha combinato per filo e per segno ad un uomo maschio e celibe. Il quale ha il potere di farla sentire in peccato, o colpevole. A me sembra che liberarsi della impurita’ ebraica sia molto meno nevrotizzante, ma non so praticamente nulla della pratica cattolica – sono solo stufo di leggere scemenze offensive sulla mia, di pratica.

E per cui, si’, le norme ebraiche relative al mestruo (e emissioni seminali) sono intricate e complicate, ed espresse in maniera paradossale del tipo: sono impuro se ho una emissione mentre dormivo su una sella di cavallo? Tizio dice che no Caio dice che si', Sempronio spiega che in realta’ Tizio diceva si' ma, Caio pero’ mi dicono abbia detto che anche no come pure si’, non ti pare una contraddizione? mi pare che il padre di Tizietto stesse dicendo che no, pertanto credo che Tizio intendesse si’, Tizio? No, era Sempronio. Non lui, il nipote – che inoltre non ha mai dormito su selle di cavallo, ma solo di asino. Ecc. Ecc. Vero, e’ un casino (piu’ sotto ve ne fornisco qualche esempio). Ed e’ opportuno che sia un casino.

Perche’, la sessualita’ umana e’ una cosa incasinata ed ognuno di noi e’ una persona diversa dal resto del mondo. E studiando quei testi complicati e paradossali ogni coppia si crea la propria morale sessuale. Anche se, a voler prooooprio semplificare, sei OK se hai rapporti per ventuno giorni su ventotto, che mi sembra ci sia alquanto da divertirsi. Fermo restando che nell’ebraismo non esiste proprio che vai all’inferno se hai accumulato troppi peccati di quel genere. Invece la vita di divorziati e separati – di quelli cioe’ che hanno una vita sessuale al di fuori del matrimonio- in Italia, un Paese cattolico, e’ poco meno che un inferno in terra, tra lungaggini legali, avvocati che sfruttano le rivalita’ tra gli ex coniugi e sensi di colpa che non lasciano la camera da letto [“che esempio sto dando a mia figlia – mi guardera’ come una donnaccia impura”]

La Sacra Rota, dite? Per quel che ne so io, la Sacra Rota non ti dice “questa fase della vostra vita insieme e’ conclusa” ma ti dice “il matrimonio tra voi due non e’ mai esistito, lo spostiamo da questo mondo a qualche realta’ parallela e tante grazie per la donazione”. Perche’? Perche’ nella famosa morale sessuale cattolica, quella che dopo il matrimonio sei libera di fare tutto quel che ti pare, in tutta la tua vita puoi essere sposata – o sposato- solo ad un unica persona. Se con quella persona non funziona sessualmente, tu con quella persona ci rimani, e se vuoi staccartene devi inventare che il giorno che hai detto si’ non ne eri poi tanto convinta. Dopo di che il tuo matrimoniio non esiste piu’ e tu, sgualdrina che non sei altro, puoi sollazzarti con quello nuovo che ti sei trovata. Non sara’ la stessa cosa, perche’ non sei piu’ vergine.


Il prima e il dopo [2]

"Dopo il matrimonio puoi fare quel che vuoi". Certo - e fermo restando che la procreazione e’ lo scopo. Ma prima del matrimonio, se sei femmina, non hai alcuna possibilita’ di sperimentare, ne’ da soli [se ti masturbi e’ peccato], ne’ con il ragazzino coetaneo – perche’ altrimenti diventi una puttana. La brava ragazza, la ragazza matura e giudiziosa, e’ quella che rinuncia ad avere una vita sessuale in attesa del famoso abito bianco – le altre sono troie. O maschiacci. Comunque impure (suona familiare?).

Perche’ in linea teorica il ragazzino maschio vive lo stesso genere di imposizioni, ma nessuno si aspetta da lui che si conformi alla Vergine Maria, il suo corpo proprio non lo permette [e qui metteteci tutte le battute sul mestiere di Giuseppe, era falegname, no?]. Come e’, come non e’, appoggiati dal gruppo dei pari, i ragazzi cattolici si fanno le loro brave esperienze prima del matrimonio con le “puttane”; dove sono cresciuto io, in Padania, erano per solito meridionali, figlie di immigrati – outsiders. Laddove ci si aspetta che la fanciulla si conformi, se non alla Madonna almeno a sua mamma. La cui vita sessuale, se la ha (per una ragazzina e’ difficile immaginarlo) e’ limitata al tempo che viene dopo la prima notte di nozze, quando si e’ levata l’abito bianco.

Nota che questa faccenda del sesso fuori dal matrimonio che sarebbe peccato, si verifica anche in versione light, del genere te la do’ ma solo se mi ami, e dimmi che mi ami, che sono l’unica e la prima e l’ultima. La ragazzina in questione, cresciuta in rapporto simbiotico con la madre da compiacere (mentre il ragazzino faceva le sue esperienze) , non vuole sentirsi dire “ti amo”, anche se e' quello che chiede. Vuole sapere chi e’ –perche’ e’ nell’adolescenza che costruisce la propria identita’. “Dimmi: Ti amo” significa esattamente: “dimmi che sono la piu’ brava ragazza del mondo – come lo sono, o lo vorrei essere, per mia madre”. E la fanciulla si trova a ricreare lo stesso genere di rapporto simbiotico, da madre- con la persona con la quale sta tra le lenzuola. Quando ci si fa portare e se ci si fa portare: perche’ il sesso non e’ qualcosa da sperimentare insieme, ma qualcosa da usare per tenere l’uomo vicino, con cui ristabilire ogni volta la stessa condizione fusionale. L’unico tipo di affettivita’ che ha conosciuto la ragazzina –incapace di dividere sesso ed amore, perche’ sperimentare le e’ stato proibito. Aspirando alla fusione, nel sesso ci si perde: e guai a rompere l’atmosfera per mettere un preservativo, quella e’ roba da puttane.

Quanto e se la donna sposata -in versione light o in versione madre- possa prendere l’iniziativa a letto, scusate, ma proprio non lo so. Dopo una adolescenza in cui sperimentare con la mente e con il corpo equivaleva a diventare impure – e doverlo confessare a un uomo, tendo a credere che la morale cattolica non sia esattamente incoraggiante.

Nel mondo ebraico, anche tra gli iper-osservanti, fondamentalisti e retrivi, la donna puo’ chiedere il divorzio la terza volta che il marito tira fuori la storia del mal di testa. E tra chi e’ meno osservante, per lo meno in Israele, il servizio militare femminile funziona, diciamo, da disinibente. Ripeto che non ho alcuna voglia di fare la gara a chi ha la sessualita’ piu’ lunga, e state pure sicuri che anche nell’ebraismo c’e’ molto da fare per riequilibrare la bilancia nel rapporto tra i sessi, ma ho la sensazione che noi ebrei partiamo in qualche modo avvantaggiati. Perche’ da noi c’e’ il divorzio. O meglio, lo abbiamo mantenuto.


E adesso dibattito [3]

Facciamo infatti un passo indietro. Non so se a molti cattolici faccia piacere ricordarlo, ma Gesu’ e' vissuto in un contesto ebraico. Polemizza con i Farisei –cioe’ con i Rabbi- per esempio nel vangelo di Marco 10:7, che gli dicono: “Mose’ permette al marito di scrivere un libello di ripudio e di divorziare dalla moglie”. E lui risponde: “Lo ha stabilito solo perche’ voi avete il cuore cattivo”. Non sta dicendo che tutti gli ebrei sono duri di cuore (come probabilmente pensa Benedetta, dopo il suo giro di verifica in Israele) ma fa riferimento a un dibattito in corso, che e’ durato per diversi secoli, attestato dalle fonti ebraiche. Andiamo quindi a vedere questo dibattito. Vi avviso che le fonti sono, appunto, incasinate. Ricostruiscono dibattiti durati diversi secoli, il cui scopo principale era stabilire come applicare la Torah in situazioni che nella Torah non sono previste.

Chiarisco subito che nell’ebraismo il divorzio c’e’, e funziona esattamente come dicono i Farisei nel racconto di Marco: l’uomo, e solo l’uomo, scrive un documento di ripudio, la donna lo accetta e la vita di coppia si conclude. Tale documento puo’ essere scritto anche dopo il fidanzamento e prima del matrimonio vero e proprio. Naturalmente ci sono modi per costringere il marito a scrivere quel documento, e la moglie puo’ sempre rifiutarsi di accettarlo, ma la regola rimane quella. E d’altronde, nel celebre passaggio, Gesu’ non sta certo dando alle donne lo stesso potere che hanno gli uomini. Non stava infatti saltellando tra i campi della Galilea ad elargire perle di saggezza ispirata, ma partecipava ai dibattiti del tempo, che ruotavano per la maggior parte appunto intorno al modo di applicare la Torah.

Dunque, il Talmud Yerushalmi (Yevamot 13:1) riporta un dibattito tra la scuola di Shammai e la scuola di Hillel sul seguente caso. Poniamo che una fanciulla sia orfana di padre, e la madre abbia arrangiato un matrimonio. La madre non ha la stessa autorita’ del padre: la fanciulla puo’ rifiutare il matrimonio. Ma puo’ rifiutare dopo il fidanzamento –come sostiene la scuola di Shammai- oppure anche dopo il matrimonio vero e proprio – come sostiene la scuola di Hillel? La quale scuola sostiene che, se arrangiato in quel modo, il matrimonio non era un vero matrimonio, pertanto non c’e’ bisogno di annullarlo. Laddove Shammai dice che dopo il fidanzamento si deve annullare, perche’ se lasciamo passare la prima notte di nozze, e poi annulliamo il matrimonio, risulta che i due sono impuri.

Nel Talmud Bavli (Gittin 81a) le due scuole discutono un altro caso. E cioe’ che una coppia divorziata si trova a passare la notte assieme in una locanda in presenza di testimoni. Si parla di una coppia che ha divorziato dopo il fidanzamento e prima del matrimonio vero e proprio. Ci vuole un altro divorzio? Shammai dice di no – perche’ uomini dal cuore cattivo potrebbero dedurne che e’ possibile scoparsi la ex fidanzata (tanto al mattino la divorzio, e pace). Hillel dice di si’ perche’ ritiene che se due si appartano in presenza di testimoni ci puo’ essere sospetto che qualcosa fosse successo, e la signora va liberata del sospetto. Con quei personaggi dal cuore cattivo che ci sono in giro. Prego per inciso di notare che la assenza di testimoni permette agli ex fidanzati di sperimentare –assai poco cattolicamente- quanto loro pare, e su questo sono d’accordo sia Hillel che Shammai.

Aha. Allora, come notato da generazioni successive, c’e’ qualcosa di incoerente nella posizione della scuola di Shammai. La fanciulla orfana di padre che non ha passato la notte con il marito, e’ un caso che richiede un divorzio, e invece la ex fidanzata che ha passato la notte con l’ex marito –cioe’ due single- si svegliano al mattino e non sono sposati? Niente divorzio, anche se hanno trombato e cioe’ il matrimonio c’era? La risposta, trovata qualche generazione dopo, quando era gia' Alto Medioevo, e’ che il tizio che voleva fidanzarsi con l’orfana, aveva intenzione di sposarla, quindi il matrimonio c’era, laddove la presenza di testimoni da sola avrebbe dissuaso la coppia di ex fidanzati a folleggiare, sicche’ chiaramente non avevano trombato, sicche’ il matrimonio non c’era. Vi convince? A me si' e no. Ma non e' questo il punto.

Il punto e' che Gesu’ stava discutendo su questa faccenda. Infatti, dopo aver messo a tacere i farisei (cosi’ dice Marco, che prende comunque le parti di Gesu’, vai a sapere se li ha davvero messi a tacere) con il riferimento preciso al dibattito in corso, se ne va (10:10) nella casa di studio, dove questi dibattiti si tenevano, e rincara la dose. “Chiunque divorzia e si risposa fa sempre adulterio, sia se e’ il marito che divorzia la moglie e poi si risposa, sia se e’ la moglie (orfana di padre, abbiamo appreso sopra) che si risposa con un altro”. Era poi cosi’ nuova la posizione di Gesu’? No. Perche’ nella discussione sull’orfana Rabbi Lazar, cercando di dare ragione alla scuola di Shammai, aveva sostenuto che chiunque ha rapporti sessuali con una donna senza intenzione di sposarla, commette comunque adulterio. La posizione di Rabbi Lazar non e’ diventata maggioritaria ed e’ stata anzi fatta propria solo dai seguaci di Gesu’, che non e’ riuscito a convincere gli altri ebrei. Difatti nello stesso paragrafo di Marco vediamo Gesu’ citare Genesi 2:24 – “E i due (maschio e femmina) diventeranno una sola carne”. Che e’ lo stesso passaggio citato da Paolo in 1 Corinti 6:16 per dire che anche se uno si è unito ad una prostituta per una volta sola, deve considerarsi sposato con lei, cioe’ non ci deve essere divorzio.

Una prostituta? Wow. Nel Talmud Yerushalmi (Kiddushn 1:1) Rabbi Lazar –ma guarda chi si rivede- si chiede se una coppia di non ebrei sia autorizzata a divorziare oppure no; se c’e’ stato un rapporto sessuale, lui dice, chiaramente la cosa e’ difficile. Al che Rabbi Yonah gli fa precisamente il caso della prostituta, e Rabbi Lazar insiste dicendo che anche se si tratta di prostituta e cliente, se c’e’ sesso sono da considerare sposati. Che probabilmente i seguaci di Gesu’ sarebbero stati d’accordo, anche e soprattutto quelli di loro che erano ebrei e che già sapevano che questa era la Legge per i non ebrei. E la storia della prostituta, con annessa citazione da Genesi 2 (la stessa di Gesu’ e Paolo) si trova in una altro testo rabbinico, il Bereshit Rabbah (18:5), durante una lunga discussione su se e quando un non ebreo possa divorziare.

Insomma, la natura delle fonti ebraiche e’ quella che e’. L’intervento dei redattori e’ pesante, all’origine di tutto c’e’ del materiale orale, che per venire memorizzato veniva scritto in maniera ellittica. Ed anche creando delle opposizioni artificiali, come probabilmente quella tra Hillel e Shammay, per facilitare la memorizzazione. E’ un esercizio sterile cercare di datare i detti di questo o di quel rabbino, e puo’ darsi benissimo che, mentre i cristiani sviluppavano la propria dottrina, tracce del dibattito finissero dentro le fonti ebraiche che ho riassunto sopra. Quello che e’ certo e’ che in quell’angolo di Medio Oriente si e’ formato un modo di pensare la sessualita’ che ha bandito il divorzio e ha finito per organizzarsi attorno alla opposizione tra peccato e grazia. Categorie che per l’ebraismo erano all’epoca marginali, ed adesso completamente estranee.

[1] mi informano che il blog privato ed intimista di Benedetta non esiste piu'. Pare lo abbia chiuso dopo la serie di post che le ho dedicato. Pero' nel suo blog pubblico e magniloquente ha aperto una sezione dedicata a "pregiudizi ed antisemitismo".
[2] questa parte si deve alla lettura di Nancy Friday.
[3] questa parte si deve ad uno shiur di Reb Shmuel Levis.

mercoledì 17 agosto 2011

Lo strano fenomeno degli Schivone Jews

La storia la hanno gia’ raccontata Angelo Pezzana e Werner Cohn decisamente meglio di come possa fare io. Riassumo. Gabriel M.Schivone e’ un attivista americano di una organizzazione che si definisce ebraica. Per mesi ha imperversato in Internet dicendo che era proprio il suo ebraismo a ispirare la sua attivita’ politica.  Della quale, ma questo e’ un problema minore, non si capisce quale sia l’obiettivo. La fine del blocco marittimo di Gaza - ma solo dalla parte israeliana? La fine dell’occupazione della West Bank cioe’ il trasferimento in luogo da definirsi di tutti gli ebrei che vi vivono ? La distruzione di Israele e la sua sostituzione con uno Stato in cui gli ebrei siano ridotti a minoranza, preferibilmente disarmata?

E chi lo sa. Schivone, da buon attivista pro-Palestina, poco si interessa del destino degli ebrei di quelli che risiedono nella sua amata Palestina, come di quelli che vivono altrove . Pero’ racconta al mondo intero che ci sarebbero decine, centinaia, ma che dico decine di migliaia, milioni, di ebrei come lui, che non ne possono piu’ di essere associati alla politica criminale di Israele, che va avanti da quaranta anni, o dall’occupazione, che va avanti dalla Dichiarazione Balfour. Ci sono, sono belli, sono tanti e sono idealisti, ma una elite radical-chic, anzi neocon, anzi abberlusconiana, impedisce di esprimere le loro moderate e ragionevoli parole d’ordine.

C’e’ un solo problema. Quando lo show andava in onda gia’ da tempo, un paio di giornalisti hanno scoperto che Schivone non e’ ebreo. Non ha genitori ebrei, ne’ padre ne’ madre, non ha alcuna origine ebraica (nemmeno i nonni), non ha avuto una educazione ebraica, non ha mai studiato nulla di ebraismo, men che meno per affrontare uno dei tanti percorsi di conversione che sinagoghe di ogni denominazione mettono a disposizione di chi vuole diventare ebreo; ce ne sono, di questi pazzi, e sembra che siano pure in aumento. Ma Schivone non e’ uno di loro. E’ solo uno che, come riconoscono mestamente alcuni degli attivisti del suo stesso campo, sperava di aggiungere valore etico alle sue posizioni legandole all’ebraismo – ad un ebraismo immaginato, di cui si era autonominato portavoce e di cui aveva inventato schiere di sostenitori.

E non e’ nemmeno un caso isolato. Come ricordano Pezzana e Cohn, non molto tempo fa, i media europei hanno propinato la storia di Edith Lutz, una sedicente ebrea tedesca che si stava imbarcando sulla flottilla diretta a Gaza, per soccorrere i palestinesi. I quali a sentire lei sono sottoposti a massacro sterminio e gassazione piu’ forni crematori, esattamente come succedeva tanto tempo fa agli ebrei d’Europa, che stavolta sono colpevoli di colonialismo genocida e sterminatore. Ed anche in quel caso, era una balla. La signora non aveva alcuna parentela ebraica alle spalle e nessuna cultura ebraica al suo attivo. E ovviamente nessuna conversione, e nessuno studio. Figuratevi se una persona dal senso morale cosi’ alto si abbassa a conoscere da vicino quelli a cui vuole tenere lezioni. Dagli ebrei non c’e’ nulla da imparare, vanno solo educati in nome del bene della comune umanita’.

Come ho scritto sopra, qualcuno, nel campo di Schivone, ci e’ rimasto male. Qualcun altro continua a difenderlo. Per esempio qui potete leggere un interessante saggio di arrampicata libera sugli specchi. Ho l’impressione che questi bloggatori facciano fatica a metabolizzare il fatto di aver creduto a delle balle, ed anzi farneticano che “in America” percorsi come quello di Schivone sarebbero anzi molto comuni e riconosciuti ed approvati da molte correnti dell’ebraismo americano. Quali correnti, non si sa. Io ho lavorato nel mondo ebraico americano e non ho mai sentito parlare di correnti che accetterebbero e legittimerebbero imposture di quel tipo.


Un pisello virtuale

Fino a qui, i fatti – fino ad oggi. Da qui in poi le mie riflessioni sull’argomento. Siamo evidentemente in presenza di gente che ritiene che un pisello (falsamente) circonciso possa conferire chissa’ quale autorevolezza alle poche idee elaborate dal cervello del latore di cotale pisello - falsamente circonciso. E non so se avete notato, tra gli attivisti contro la circoncisione c’e’ –ma guarda che strano- una alta percentuale di gente che si batte contro la cosiddetta occupazione. In che modo i palestinesi possano beneficiare dalla proibizione di circoncidere minori negli ospedali americani ed inglesi e’ una faccenda che mi sfugge, ma ci deve essere una qualche mistica assonanza. Ci si batte per la Terra Santa, dopotutto.

Evidentemente una lunga consuetudine con le frottole della propaganda araba rende estremamente vulnerabili a credere a qualsiasi balla, anche quelle spacciate dai Gabriel Schivone. O la convinzione di essere comunque dalla parte giusta (ci si sta battendo per la santificazione della Terra Santa, ricordate) male si adatta alla consapevolezza che anche nel proprio campo politico, come in ogni parte del mondo, ci sia una fisiologica percentuale di truffatori e sicofanti.

Probabilmente l’effetto mediatico dell’ “ebreo che critica Israele” sta tutto nella legge dell’uomo che morde cane – e’ raro, quindi e’ una notizia. In realta’ non e’ affatto raro, e basta leggere la stampa ebraica per trovare critiche di ogni tipo ad Israele. Ma per chi non la segue da vicino (cioe’ per il 99,9% dei lettori dei quotidiani), l’ebreo che critica Israele e’ un fenomeno raro, sicche’ e’ facile avere spazio sui media. La cialtrona tedesca aveva contato esattamente su questo effetto, e difatti la sua pirotecnica fila di fesserie ha avuto spazio sui media, rendendo ancora piu’ rovinosa la sua caduta.

Ci sta anche che la fortuna di personaggi come Schivone derivi dalla cronica coda di paglia dei sostenitori della pulizia etnica di Israele. Loro vorrebbero vedere Israele privo della odiata maggioranza ebraica e pero’ hanno (vai un po’ a sapere come mai) una terribile paura di venire etichettati come antisemiti. Schivone, quindi, si offre in modo da poter essere l’ebreo da vetrina, in modo che chi sostiene certe posizioni possa dire di avere un amico ebreo, e pertanto di non essere antisemita.

Per gli ebrei, Israele e’ ragione di orgoglio. Chi visita Israele, e viene a contatto con quella societa’ complicata ed affascinante, difficilmente rimane indifferente.Tant’e’ che esistono organizzazioni che offrono a giovani ebrei, piu’ o meno assimilati (lontani cioe’ dalla vita comunitaria) la possibilita’ di passare un periodo in Israele. La piu’ famosa si chiama Birthright ed e’attiva da decenni. La stragrande maggioranza degli ebrei americani che adesso sono attivi nella vita comunitaria sono passati attaraverso quella esperienza (essendo Israele una democrazia, organizzazioni arabe e propalestinesi sono libere di fare lo stesso. Ci provano, e non riescono a raccogliere un numero decente di adesioni).

A me, beninteso, e’ successo lo stesso; in Italia Birthright non esiste, sicche’ le prime volte in Israele ci sono andato a mie spese, la prima volta persino in nave, con scalo a Cipro. Visitare Israele mi ha convinto che l’ebraismo non era una parte accidentale della mia identita’, ma anzi un patrimonio spirituale e culturale ricchissimo che valeva la pena esplorare, e l’esplorazione mi ha portato –come sanno i miei tre lettori- ad immigrare. Ma io sono europeo e questa e’ un’altra faccenda. Schivone invece e’ americano. E con la sua frottola pensava di costruire un anti-Birthright.

Ci sono ebrei americani che una visita in Israele ha reso piu’ motivati nel proprio ebraismo? Voila’, ti confeziono la storia del giovane ebreo americano che, grazie alla militanza contro Israele, o pro Palestina, diventa piu’ ebreo, ed anzi piu’ buono [i sionisti sono invece cattivi] ed educato ed universalista [i sionisti invece sono tribali] e comunista [i sionisti invece sono fascisti] e sbroc sbroc. In questo modo centinaia, ma che dico, migliaia, anzi milioni di ebrei americani seguiranno l’esempio ed Israele perdera’ la caratteristica di Stato ebraico, con benefiche conseguenze per la pace nel mondo. Che verra’ certamente quando gli ebrei cesseranno di occupare i luoghi dove e’ nato Gesu’ - amvedi, siamo proprio devotamente ebrei, non vedi come siamo ecumenici?

E ne era tanto sicuro, lo Schivone, che questi milioni di ebrei se li e’ pure inventati. Rumoreggiava: “Signori leader dell’ebraismo americano, che ci costringete a appoggiare un governo omicida e genocida sbroc sbroc, guardate che la mia mailing list conta piu’ di centomila destinatari” (tra i quali ci sono anche io, e decine di altra gente interessata come me al genere demenziale o semplicemente a quel che di ebraico succede in rete). Al fondo di tutto ci stava una balla, quella di essere ebreo e quindi non-rappresentato da leader ebraici. E la caduta e’ stata rovinosa e gustosa. Molto piu’ divertente, se volete la mia opinione, della Fiamma Nirenstein che ha scoperto che nel suo partito c’erano degli antisemiti impenitenti.


Due consigli agli Opliti del Bene

In realta’ agli Opliti del Bene [cit. Yossarian] in versione “partiamo per la liberazione della Terra Santa” sfuggono due punti elementari che mi pregero’ di riassumere qui di seguito. Sono consapevole che non terranno conto per un piffero di queste osservazioni metodologiche perche’ non accettano consigli da, ne’ dialogo con, i sionisti, che poi sarebbero tutti quelli che non condividono al cento per cento le loro opinioni confuse ed autoreferenziali, insomma in breve: il resto del mondo. Pertanto -tranquilli- storie come quelle dello Schivone sono destinate a ripetersi, con grande divertimento di tutti.

Punto uno. Gabriel Schivone, Edith Lutz e altri impostori di quel tipo compaiono in scena raccontando: “Proprio noi, parte di un popolo perseguitato, siamo al fianco di un altro popolo perseguitato”. A loro non interessa affatto discutere della natura di questa persecuzione. I campi profughi palestinesi sono destinatari di una mole imponente di aiuti, ben maggiore di quella riservata a profughi di altre parti del mondo. Il che non aiuta certo lo sviluppo della loro economia Sono in questo momento cannoneggiati dall’esercito siriano. In passato hanno subito le scorribande di miliziani libanesi (Tel Al Zaatar, Karantina).

La popolazione vi e’ tenuta dentro non dal feroce esercito con la stella di David, ma dai leader palestinesi stessi, che si rifiutano di svuotarli, anche quando si trovano nella West Bank, in territorio amministrato dall’ANP medesima. Una situazione dannatamente complicata, che gli autoproclamati ebrei semplificano indicando il colpevole nel cattivo Israele. Fin qui, nulla di particolare, lo fanno in tanti.

La peculiarita’ di Schivone sta nel tentativo di attribuirsi chissa’ quanti extra punti di moralita’ dicendo “non in mio nome”. E perche’? Ma perche’ lui, come i gonzi che credono a lui, identifica ebraismo con sofferenza. Lui dice ai suoi lettori che essere ebrei e’ soprattutto una questione di quanto si soffre, o quanto si e’ sofferto in famiglia, o di quanto si e’ disposti a soffrire per stare al fianco di chi soffre. Tanto e’ pieno di questa retorica della sofferenza che si dimentica di porre la seguente, banale, domanda: chi pensiamo di convincere?

Questa idea della sofferenza che redime e’ infatti una roba estranea all’ebraismo: mica adoriamo persone crocefisse, noi. Quindi, signori sedicenti ebrei, state mandando il messaggio sbagliato, con questo insistere sulla sofferenza dei palestinesi e sulla (immaginata) vostra. Il messaggio e’ sbagliato non solo perche’ all’origine di tutto c’e’ una bugia. Il messaggio e’ sbagliato perche’, se uno oggi vuole costruirsi una propria identita’ basata sulla sofferenza, non ha affatto bisogno di rivolgersi al Medio Oriente. Per esempio, puo' andare su Internet e trovare delizie di questo tipo:


Schivone et similia, se volete un consiglio da parte di qualcuno che ci capisce di politica (vi parlo da sionista, ovvero da membro di uno dei pochi –ismi che e’ sopravvissuto al Novecento), lasciate perdere questa identificazione tra ebraismo e sofferenza, che non riesce a convincere nessuno, a parte quelli che ritengono che per essere ebrei si debba pagare un prezzo di lacrime e sangue. Che ve li raccomando.

Punto due. Lasciate perdere Jovannotti. Jovannotti, dico, quello che credeva che evifte una fola grande Chieva che parte da Madre Tereva ed arriva ad un prete di periferia che va avanti nonoftante il Vaticano. Vi potra’ piacere l’idea che all’interno di una religione ci sono i poveri ma belli che stanno dalla parte del popolo e che sono impegnati nella lotta contro le gerarchie ricche e cattive. Ma siete fuori strada.

Perche' anche questa idea non ha niente a che fare con l’ebraismo e per quel che ne capisco io si adatta semmai al cattolicesimo che e’ numericamente piu’ consistente ed ha una gerarchia definita, con la gestione dei soldi e del potere che sta dove sta. Nell’ebraismo le cose funzionano in maniera diversa. Facciamo un esempio basato sul genere. Se a me non piace la sinagoga X dove comandano solo gli uomini, mi sposto tranquillamente (dopo qualche scazzo feroce) nella sinagoga Y dove le donne hanno piu’ spazio nel culto e se ci riesco metto assieme un gruppo di persone per fondare una sinagoga Z dove anche i gay possono avere spazio. Servono soldi, lo so, infatti devo cercare dei benefattori. Non mi serve la approvazione ecclesiastica.

Mi serve eventualmente un rabbino e cerco infatti di assumerne uno che sperabilmente faccia parte di una delle associazioni professionali sufficientemente seria (se il rabbino poi ne trova altri due, potra’ anche fare delle conversioni – cosi’ dicono le regole delle famose associazioni professionali). Mi serve certamente una determinata interpretazione dei testi sacri dell’ebraismo (Bibbia, Mishna ecc.) che regolano il culto e la vita comunitaria. Se trovo abbastanza soldi, pago il rabbino per mettere in piedi anche un centro di studi dove questi libri possano venire studiati e da cui si possano derivare le norme della vita comunitaria. Spesso questi centri stanno in Israele: e vedi sopra, alla voce Birthright e dintorni. Nel senso che e’ possibile passarci del tempo, e tornare a casa piu’ istruiti e motivati.

E’ senz’altro possibile fondare una sinagoga di ebrei antisionisti, e mettere in piedi un centro di studi dei libri sacri dell’ebraismo fortemente caratterizzato contro Israele. Occorre pero’ trovare un numero minimo di ebrei disposti a imparcarsi in quella avventura e magari a metterci anche dei soldi. Il problema e’ che sembra non ce ne siano poi molti [anche se sono in molti a sognare un ebraismo tipo Jovannotti] sicche’ ci si riduce ad inventarli. Come e’ successo con Schivone e come probabilmente succedera’ ancora. Con gran divertimento di chi legge, devo dire.

sabato 9 luglio 2011

such a fuss

Wikipedia informa che Beatrice Webb fu l'inventrice della contrattazione collettiva ed una delle prime teoriche del movimento cooperativo.

Chaim Weizmann [Trial and Error, London 1949, p. 331], informa invece della reazione della illustre signora, quando Weizmann la informo' dei pogrom a Hebron e Gerusalemme nel 1929

"I can't seee why the Jews make such a fuss over a few dozen of their people killed in Palestine. As many are killed every week in London in traffic accidents and nobody pays attention".

venerdì 24 giugno 2011

Negli ultimi giorni si e' scoperto che i prigionieri appartenenti ad Hamas rinchiusi nelle carceri israeliani godono di accesso alla E mail, hanno la pagina facebook e tengono pure festeggiamenti in carcere.

Sono seguite le usuali promesse di restrizione da parte della amministrazione carceraria.

Adesso Hamas si arrabbia perche' tali promesse violerebbero le convenzioni internazionali .

Che, detto dai carcerieri di Gilad Shalit, fa un certo quale effetto comico.

Ma Hamas e i suoi sostenitori sono gente di spirito. Guardate qui che bella pagina facebook hanno inventato: Palestinian activists have set up a Facebook campaign to "abduct a partner for Shalit". Non lo trovate divertente?
 

giovedì 16 giugno 2011

1 - Ho trovato un bijou

No, non un gioiello: "cosa o persona ritenuta bella e perfetta e quindi preziosa". Proprio un pezzo di bigiotteria: "assortimento di gioielli fatti di materiale non pregiato". Il gioiello e' cosa rara, un lavoro di artigianato. Il bijou e' fatto in serie, e in casi davvero gravi, esposto come se fosse un pezzo di valore.

Il bijou in questione e' un blog che parla di Israele, anzi sono due: variante colta e variante intimista. L'autrice ha passato un anno a Gerusalemme ed esibisce le sue opinioni ed impressioni  come se fossero un gioiello prezioso. Eleva la sua personale esperienza a misura del mondo. Accetta ben poco di discuterne (come ho constatato in una breve corrispondenza con lei) perche' sostiene siano basate solo sulla sua  personale esperienza. Esperienza che guarda caso conferma gli stessi pregiudizi -di matrice cattolica o comunista-  esibiti da centinaia di italiani (post)cattolici, o di sinistra, quando visitano il Paese degli ebrei. Pregiudizi spesso basati sugli episodi piu' o meno identici a quelli che la autrice  racconta di aver vissuto. Roba fatta in serie, bigiotteria. 

E' impressionante la presunzione di chi crede di passare esperienze sensazionali e se ne torna a casa (dopo un anno!) convinto di aver avuto ragione fin dal momento dell'imbarco- che vien da chiedersi chi glielo ha fatto fare di spostarsi, se sapeva gia' tutto. Forse questa presunzione di sapere gia' tutto  e' una malattia professionale. Caratteristica di tutti gli studenti di materie umanistiche, che guardano al (magro) mercato del lavoro cercando una soddisfazione nella presunzione di avere comunque ragione.

Quello che e' piu' sconfortante e' il profilo, diciamo, intellettuale dell'autrice. E' assolutamente convinta di non avere pregiudizi.  E per fortuna che ha letto Edward Said, che se insegna qualcosa di buono e' che lo sguardo su un'altra cultura non e' mai innocente (non lo insegna solo lui, eh. E' piu' o meno l'ABC di qualsiasi persona colta, diciamo da Freud in poi). Sconfortante, dicevo, non perche' sia originale - ma proprio perche' in Israele, dall'Italia, arrivano ogni anno studenti e turisti, presuntuosi e pieni di pregiudizi. Non necessariamente per lavorare per una delle molte NGO (anche se lei e' finita a fare pure questo) che sono generosamente sussidiate dall'Europa per spiegare a noi israeliani come comportarsi bene, diciamo da ospiti in una terra non nostra. Magari sono solo affascinati da qualche lettura da adolescenti, che ha confermato quel che hanno imparicchiato attorno al presepio guardando le statuette dei Re Magi, o partecipando a qualche assemblea con la presenza dell'immancabile palestinese professionista (e nessun israeliano a rispondere). 

Insomma, quel che scrive questa tizia e' deprimente anche e perche' non e' originale. E' talmente tipico e stereotipato che ho deciso di dedicarci una serie di post. Spero che la  lettura dei miei rimuginamenti faccia cadere qualche benda dagli occhi, se per caso vi imbattete in qualche altro blog (o articolo, o post, o serie di opinioni), di simile basso e scontato tenore. In rete, purtroppo, non ne mancano, e sono tutti in italiano. 

Buona lettura.

2 - Insofferenze

Mi fa davvero rabbrividire chi ritiene che in Europa l'antisemitismo sia scomparso. Sono semplicemente scomparsi gli ebrei. Ci sono luoghi d'Europa dove l'orrore nazista non e' arrivato, come l'Inghilterra - la cui popolazione ebraica diminuisce di numero ed invecchia. Ci sono luoghi in cui e' avvenuta una immigrazione ebraica, p. es. in Francia, dal Nordafrica, e non certo per volonta' di chi emigrava. Ma la maggior parte della popolazione ebraica europea e' sparita durante la seconda guerra mondiale, altri si sono spostati in Israele, ed altri -particolarmente in Europa dell'Est- sono stati costretti per decenni ad abbandonare ogni forma organizzata di vita ebraica. E' vero, in Est Europa adesso si assiste ad una rinascita, che e' per me una delle cose piu' commoventi che mi e' capitato di vivere. Ma manifestare insofferenza quando si parla di antisemitismo e' purtroppo un riflesso condizionato di molti europei, italiani inclusi.

Vedi per esempio cosa scrive Benedetta, qui, a "Per la mia compagna francese dire che forse l’uccisione una decina di persone sulla Freedom Flottilla non sia stata una grande idea diventa un segno di antisemitismo che porterà ad una seconda Shoah." La collega francese e’ solo una paranoica che non sa cogliere l’importante differenza tra chi odia la razza ebraica (antisemitismo) e chi vorrebbe negare al popolo ebraico il diritto alla autodeterminazione (o antisionismo).

Probabilmente questa atteggiamento irridente si deve alla sovrapposizione tra Shoah ed antisemitismo, di modo che se non ci sono forni crematori uno si sente autorizzato a dire che l'antisemitismo non c'e'. Cosi'il ghetto di Venezia, dove per secoli gli ebrei sono stati rinchiusi e costretti a portare un segno cucito sugli abiti, e trattati da cittadini di seconda classe, diventa per Benedetta solo un luogo pittoresco che nulla ha a che vedere con la Shoah (vero) ne' con l'antisemitismo (falso). Certo Benedetta non mostra alcuna empatia per per chi vive nel rischio di venire rapito, torturato per giorni, solo perche’ ebreo. Succede in Francia, eh. 

Ma anche nella stessa citta' dove Benedetta e' nata e cresciuta gli ebrei non sono esattamente benvoluti, e manco lo sono gli israeliani. Lei lo sa, lo scrive, ma considera piu' o meno dovuto che si passi sopra a uno degli episodi di razzismo piu' vergognosi della storia del basket italiano. Per la cronaca, chi ha organizzato la gazzarra non ha fatto un solo giorno di galera ed e' attualmente un rispettato libero professionista: la citta' non e' grandissima, e queste sono faccende di dominio pubblico. Ma per Benedetta in questo non c'e' nulla di grave. Dopotutto e' roba che non la riguarda.

3 - Vedere il mondo con gli occhi di Umberto Bossi

Ma esistono, gli israeliani? Chissa'. Una che vive li’ da dieci anni  non e’ israeliana, rimane russa. Ce la ha nel sangue, l’identita’? Nella razza? E qui Benedetta ci racconta gli ebrei vogliono nascondere al mondo che ci sono state conversioni all’ebraismo e ci tengono al mito della loro purezza genetica. Perche' ovviamente gli ebrei sono razzisti, certo. Sono tanto ossessionati dalla propria purezza genetica che restano fermi a Lamark senza accettare Darwin - come tutti i fondamentalisti.

Naturalmente gli israeliani che lavorano all’aereoporto sono cattivi e razzisti ed inspiegabilmente diffidenti. Pofferbacco, e pensare che e’ il luogo piu’ sicuro della terra e che lavorare li’ e’ una vera gioia, altro che Malpensa - dove noi israeliani vieniamo accolti da personale che ci definisce amichevolmente “il cargo” e pensano che nessuno comprenda l’italiano. Siamo perfino cattivi con i giovani cattolici che lavorano alla Custodia di Terra Santa. Che sarebbe il bel posto che assicura il passaporto a un bellimbusto di nome Hilarion Capucci, un prelato con la passione delle armi e convinto che levare con le armi agli ebrei il diritto alla autodeterminazione sia una opera di carita'. Cattivi, sia chiaro, soprattutto con chi porta la barba, come Gesu'.

Con la barba si possono nascondere cicatrici, che sono un segno di identificazione, e bene lo sanno anche i camorristi in soggiorno obbligato che venivano spediti dalle parti di Benedetta negli anni Settanta. Ma lei questo non lo sa, e se lo sa nemmeno ci pensa, perche’ le importa ribadire lo stereotipo dei poliziotti ebrei cattivi che perseguitano il giovane Gesu Cristo con barba. Ah, come diventano cattivi gli ebrei, ogni volta che hanno il potere.
E diciamolo: gli israeliani se ne fregano della pelle della gente! Ipocriti giudei, che tutelano piu' i diritti degli animali che quelli delle persone.

Gli israeliani si “gloriano di un suicidio di massa” e, inspiegabilmente, vanno in sollucchero davanti a tre pietre perche’ attestano la continuita’ di una presenza su una terra su cui non dovrebbero stare. E se ci devono stare, assolutamente, devono essere privi di sovranita’. Devono (dobbiamo) essere ospiti, mai cittadini. Perche’ la sovranita’ spetta agli arabi che “sono li’ da sempre”. Noi, anche con decenni di permanenza, non diventiamo mai locali: vedi quella che e’ russa e non israeliana. Sembra proprio di sentire Bossi, o meglio uno dei suoi elettori, che se la prende con il napoletano che e’ arrivato trenta anni prima, ed ancora lo chiama terun.

4 - Crimini e disfatte

Stando a quel che scrive Benedetta, all’origine dello Stato di Israele ci sarebbe un crimine, che lei paragona con molta fantasia alla Shoah. Un crimine che viene tuttora perpetrato, per via della barriera di separazione che viene costruita (e che ha fatto cadere il numero degli attentati – ma lei non lo scrive). Questa supposta pulizia etnica dei palestinesi e' probabilmente la pulizia etnica piu' sgangherata della storia, visto il modo in cui la popolazione palestinese e' cresciuta dal 1948 ad oggi.

Ma ovviamente, inutile aspettarsi una sola parola sulla collaborazione della leadership palestinese con i nazisti, nessuna sui pogrom in Libia o Algeria. Probabilmente la sua compagna di scuola francese ha questo nella sua storia familiare. Ma lei non ne parla. La sua opinione, la  storia di una ebrea francese, nemmeno le interessa. Le basta il solito pregiudizio di marca comunista secondo cui la vita degli ebrei nei Paesi arabi era tutta rose e fiori, mentre quella degli  arabi nel Paese degli ebrei e’ una valle di lacrime. In Israele, quando suona la sirena per Yom haShoah i lavoratori arabi si fanno un punto di continuare a lavorare. Ma Benedetta non se ne e' accorta. Il pregiudizio sugli ebrei che sono i nuovi nazisti ed i palestinesi che ne sarebbero le vittime le impedisce di vedere questo aspetto della realta’. 

Per Benedetta  i poeti palestinesi e Primo Levi pari sono. Perche' Shoah e Nakba pari sono, con la differenza che, come abbiamo visto sopra, l'antisemitismo non e' piu' un problema, mentre i palestinesi sono tuttora perseguitati. E lo Stato di Israele, insomma e' nato in seguito ad una atroce ingiustizia, e che l’unico modo per raddrizzare questo terribile torto sia trasformare l’unico Paese ebraico al mondo in uno Stato ebraico-arabo, anzi arabo e basta, lo dice Gilad Atzmon e lo ribadisce Burg, due tra i (pochi) israeliani che lei cita con simpatia. 

Le piacciono, quei due e, guarda caso, nel loro essere ebrei c’e’ un sacco di colpa. Come da pregiudizio di marca cattolica (e Benedetta e' cattolica): essere ebrei e’, appunto, una colpa. La colpa di avere un rapporto diretto con il Padreterno e di piantare un casino perche’ la mia osservanza dello Shabbat e’ meglio della tua. Ma Benedetta vede soltanto  un poliziotto che arresta dei goim – ma quanto sono razzisti questi ebrei, e quella etiope isterica, certo che se gli italiani fossero restati in Etiopia questo non sarebbe successo. 
 
Della religione ebraica ha una idea quantomeno da caricatura. Prosciutto e formaggio, dice lei, e’ la cosa meno kasher del mondo. Ah, che liberazione quando c’e’ un uomo [un frate cappuccino!] a liberare lei, donna, da questa costrizione esteriore.  Beh, no, viene da dire: esiste roba ancora meno kasher: la carne umana per esempio. E qui ci starebbe la battuta sull’Eucarestia, ma lasciamo perdere. Certo Benedetta non parla dell’Islam con lo stesso scherno che riserva agli ebrei.

Le donne ebree ultraortodosse sono in posizione subordinata? Certo. Tant’e’ che esistono programmi per migliorare la loro posizione economica, e lo Stato di Israele ci investe anche parecchio, per insegnare a queste signore come cavarsi il pane. Ci sono persino ultraortodosse lesbiche che hanno fatto outing. Ma non cercate queste notizie nel blog di Benedetta. Lei ci vuole dire che l’unica via per uscire dallo stato di subordinazione sia smettere di essere ebrei. Che e' un altro bell’esempio di pregiudizio: l’ebraismo come legge la cui osservanza renderebbe nevrotici ed innaturali, e soprattutto patriarcali e maschilisti. 

Pregiudizi che si trovano anche nel post su tefillin Barbie  un bel concentrato di stupidaggini sul ruolo della donna nella religione ebraica. Che tra l'altro contiene un falso, visto che la prima soferet della storia non e' quella citata, ma si chiama Avielah Barcalay. sorpresa, di donne forti ce ne e’ piu’ di una nel mondo ebraico, forse non c’e’ bisogno di un Gesu’ che venga a liberarle, ma si liberano da sole? 

Oh, e di sinagoghe Massorti, Reform e anche ortodosse dove le donne vestono tallet e tefillin ce ne sono anche in Israele. Ci sono sicuramente in America e se si deve dare retta alle statistiche, i compagni di scuola americani  di Benedetta sono cresciuti in sinagoghe dove una donna con il tallet non e’ uno spettacolo eccezionale, anzi.  Dove magari il rabbino e’ una donna (chissa' quante donne prete ha conosciuto, Benedetta...). Ma di tutto questo lei non parla. Le impedisce di vedere questa parte della realta’ il pregiudizio -di marca cattolica- sulla religione dei Padri e della Legge, che perseguita le povere donne fedeli della Legge dell’Amore. E il pregiudizio comunista sugli americani che sarebbero solo una mandria di bovari.

5 - Orgogli e pregiudizi. E fare la nanna.

Tenetevi forte: Benedetta ha fatto il grande sforzo di far conoscere ai lettori italiani il punto di vista di Abraham Burg, senza raccontare i maneggi economici di cui e’ stato protagonista. Gli unici episodi di corruzioni che lei cita riguardano sefarditi come Katsav. L’eroico Burg, pacifista e gia’ commerciate di armi, le piace invece un sacco. Benedetta ci fa conoscere un articolo di Burg pubblicato da Haaretz, che e’ il quotidiano israeliano piu’ citato dalla petrolifera stampa italiana. Ce ne era un gran bisogno, di far conoscere queste posizioni, nevvero? Se ne parla cosi’ poco in Italia....

Come e’, come non e’, i lettori italiani hanno dovuto aspettare la traduzione italiana di un romanzo di Amos Oz per scoprire che e’ esistito il sionismo revisionista – la corrente da cui discendono i due maggiori partiti israeliani. Inutile chiedersi se Bendetta si sia data pena di visitare un insediamento (almeno uno) per sapere chi sono e come vivono questi mostri che si chiamano coloni. Le basta sapere quel che sa. E ripeterlo.

E' arrivata in Israele forte della lettura del capolavoro di Edward Said, che non bisogna mai mettere in discussione (chettedevo di’, ognuno c’ha i suoi libri sacri) e se ne va in giro per Israele e Territori-Occupati (badando ad evitare gli insediamenti ebraici) alla ricerca della conferma di quel che scriveva Said, quando non era impegnato a tirare pietre contro il confine di Israele, a confezionare frottole sulla sua casa di origine e scrivere prefazioni a libri antisemiti. Said e’ un profeta e si puo’ dialogare solo con chi ne accetta il verbo.

Benedetta cerca il dialogo e sbuffa irritata quando si accorge che questi cattivi ebrei hanno poco tempo da perdere con chi sparge a piene mani pregiudizi di  origine catto-comunista. Tipo la storiella secondo cui gli israeliani sarebbero un popolo artificiale, che e' creato dagli strateghi del Pentagono per il solo scopo di levare la terra agli aborigeni palestinesi, nel nome di fantasie bibliche che non sono state redente dalla miracolosa legge dell’amore portata dai francescani con la barba. Talmente cerca il dialogo, la povera Benedetta, che persino quando ne ha l’occasione evita di "aprire l’argomento Israele" “perche’ tanto non ne usciamo”.  Ci tiene ai suoi pregiudizi e davvero non vuoi metterli in discussione. .

Ma perche' non aprirlo, questo argomento? Perche' non parlare di un Paese che le ha messo a disposizione persino strutture di pronto soccorso psicologico per fronteggiare le conseguenze di un attentato di cui lei si era accorta a malapena? Sono tutte manfrine. Lei ha in testa lo stereotipo degli israeliani rudi e poco ospitali (la terra non e’ loro, dopotutto, no?) e di questo pronto soccorso parla con il solito risolino, quasi quella roba fosse inutile. Se davvero gli israeliani volessero far finire gli attentati dovrebbero smantellare l'esercito, tirare giu' la barriera di separazione e andarsene affanculo

Perche’ gli israeliani sono per definizione inospitali. Ospitali sono, naturalmente, i siriani.  Ospitali verso gli italiani, e casualmente e’ cospicuo lo scambio commerciale tra Italia e Siria, nevvero? Ma non e' che gli studenti italiani sono una risorsa per i siriani e che quella e' una dittatura: chissa' se la generosa Benedetta ha provato in questi giorni a contattare la famiglia siriana che la ha ospitata con tanta generosita'.

Per lei sono gli israeliani ad essere barbari, ed e' (tenetevi forte), colpa della loro lingua. Ma perche' non si adattano al clima e imparano l'arabo? Come stupirsi, ci spiega seria Benedetta, se un popolo cosi’ patriarcale, maschilista, aggressivo ed arrogante, non ha nemmeno un termine per tradurre l’espressione “fare la nanna”

Il che, naturalmente, e' una balla:

6 - Lo spettacolo vi e' stato gentilmente offerto da..

Nel caso vi interessi, Benedetta ha concluso il suo anno a Gerusalemme con un mese di "tirocinio" presso questa organizzazione qui.

La direttrice e' una convinta che apartheid sia una parola adatta a descrivere quel che succede in Israele, ed anzi quel che succedeva in Sudafrica era molto meno grave di quel che succede nella West Bank. Un attivista di quella organizzazione ritiene che Israele abbia interiorizzato la lezione dei nazisti, e che lo Stato di Israele sfrutti la memoria della Shoah. Un alto dirigente della stessa organizzazione si e' espresso in pubblico a favore del diritto al ritorno in Israele di tutti i discendenti dei rifugiati palestinesi (che significa la fine dello Stato ebraico).

Non so se Benedetta sia stata pagata per il lavoro che ha svolto. Pero' magari vi interessa sapere quanto ha ricevuto dalla Unione Europea la predetta organizzazione. Sono soldi anche vostri, eh.

venerdì 20 maggio 2011

Una delle corporazioni londinesi (esistono ancora, e si occupano di beneficenza) tiene una cerimonia pubblica. Come da statuto, la cerimonia deve essere tenuta nella City, e nell'edificio del culto a cui appartiene il presidente in carica, e guidata dal ministro di culto della sua congregazione.

Il presidente e' un attivo membro della sinagoga di Maidenhead, una popolare (e in crescita) sinagoga Reform. L'unica sinagoga esistente nella City e' quella di Bevis Marks, sefardita ed ortodossa. Il rabbino Reform conduce quindi una funzione nella sinagoga ortodossa. Che problema c'e', si chiede Geoffrey Alderman, qui. C'e' stato pure un tempo in cui rabbini Progressive conducevano il culto in sinagoghe ortodosse.

Per non parlare di quando, in tempi piu' recenti, gli allievi di Louis Jacobs si incontravano proprio in una sinagoga sefardia ortodossa. Chi era Luis Jacobs? Potete leggere qui. Per farla breve, era un rabbino, e grande studioso, che passo' qualche problema per aver detto che non era poi tanto sicuro che la Torah fosse stata detta a Mose' sul Sinai dalla prima all'ultima parola. Che sarebbe interessante sapere quanti sono i rabbini italiani che  credono che questa faccenda della Torah miSinai sia da prendere alla lettera.

Ah, a proposito. Membri del tribunale rabbinico di Bevis Marks compaiono pubblicamente ed autorevolmente accanto a rabbini italiani. Chissa' se nelle sinagoghe italiane i rabbini Reform possono guidare le tefillot.

A Bevis Marks possono.

mercoledì 11 maggio 2011

il quotidiano comunista, tra luogo comune e Kali Yuga

Uheila. Per l'occasione il manifesto ha tirato fuori nientepopodimeno che un teologo. Il quale ci riporta le immortali parole di un pilota  d'aereo fattosi prete e poi vescovo .
«Siamo bersaglio dei terroristi, perchè, in buona parte del mondo, il nostro governo difende la dittatura, la schiavitù e lo sfruttamento dell'uomo. Siamo bersaglio dei terroristi perchè ci odiano. E ci odiano perchè il nostro governo fa cose odiose».
Sicche', dico io, secondo il signor teologo saremmo autorizzati ad odiare i musulmani perche' qua e la' per il mondo ci sono imam che teorizzano lo sterminio di gruppi sociali poco integrabili?
Ma il meglio sta, come al solito nei commenti. Leggendoli vi si puo' fare una idea dell'alto profilo culturale di un campione dei lettori del quotidiano comunista. Ne segnalo qui di seguito un paio, ma tornate a visitare l'articolo, mi sa che il meglio deve ancora venire.

----
Sono d`accordo,dice molte verità ,però i responsabili degli atentati del 11 settembre,si devono ricercare negli EEUU .(L`aereo del pentagono non esiste)Chi vuole più informazione guardare “luogocomune.net” di Massimo Mazzucco.
Ci sono le due versioni,quella oficiale e l`altra,per me è la vera.
----
GIA STIA NASCENDO DALLE CENERI DELL'IMPERO un nuovo ordine mondiale con una nuova ONU in cui la parola guerra ED IL LUGUBRE NOME DI OTAN SPARISCANO per sempre.....
intanto LA GUERRA E LA DEVASTAZIONE IN LIBIA VOLUTA DAGLI EUROPEI SI STA TRASFORMANDO IN UN FIASCO POLITICO E MILITARE...... ed Al Kaeda promette fuoco e fiamme..siamo veramente nella era del Kali Yuga come notoriamente dice da secoli la filosofia Veda....della secolare e saggia INDIA...[1]
OTRO MUNDO ES POSSIBLE 
----

[1] Lo diceva anche lui, aggiungo io.

sabato 30 aprile 2011

Kedoshim

I wonder if I am the only one to have noticed a recurring expression in this week’s Torah portion. The expression is “Ani Adonai, I am Adonai, the Lord”. Such a high number of recurrences is, to me, slightly embarrassing. 

God is not a fashionable topic, nowadays. 

In monarchic countries, like the UK, God is evoked more often than in republics. Kings hold power “for the grace of God” - that was Italy, till 1945. The name of God recurs during ceremonies, like the lifecycle rituals of members of the royal family. That are nice to see, and very evocative, and romantic, even if you watch it on TV. But to us they are no more than a show, which by the way has many other interesting things. Like the bride’s dress. It’s hard to relate God, the same God whose name is evoked in these occasions, to our personal life. Which sometimes can be so prosaic, and definitively is not pompous. 

God is a very distant relative. 

More and more individuals, especially in this Country, are now proud to be atheist, or humanist; to deny God. They think, and say, and repeat, and “demonstrate” that religious beliefs are an obstacle on the road toward social justice. That religions prevent reciprocal understanding, and the sooner science silence religion, the better it is for the whole humanity. If we look at the media, or at the news, we see that religion is associated to war, violence and prevarication. There is not much to be proud, in being religious. 

God is an embarrassing partner. 

So this statement, “Ani Adonai Eloeikhem, I am the Lord your God” is indeed a difficult one. I am personally uncomfortable with this sentence, that is repeated so many times, to an almost rhythmical effect. And when I find myself uncomfortable, I turn to academic scholarship, to see if there is any help in understanding. Indeed, academic scholarship offers some relief. 

Scholars maintain that this Torah portion is part of a sort of a handbook. It is the “Code of Holiness” written down at a crucial point of Israelite history, for people that had probably to recite it by heart. Thus, this recurring statement, “Ani Adonai Eloeikhem, I am Adonay, your God”, is supposed to work as a memory device. It is a rhetorical tool, to add solemnity and inspire reverence in the reader. 

But who was the reader? There are scholars who maintain that the audience of the Code of Holiness was the youngest generation of the priestly caste. This is the reason why we find in Leviticus all the instructions pertaining to various kinds of sacrifices. It was, so to say, a set of professional instructions, to be handed down from fathers to sons, replacing a pre-existent set of oral instructions.

Now, this passage from oral to writing is nothing less than a revolution. Because when a set of instructions is written down, it becomes public. So those who perform the tasks there prescribed, well, they become accountable. They are being told that from now on there will be somebody, among their peers, who can test if they are following the rules, behaving properly. Whether they are just exploiting their professional position and the related benefits – I would say: bonuses. 

And, yes, I am thinking to the bankers’ bonuses. Because, indeed, bankers are a sort of modern equivalent of ancient priests. They deal with prestige, they handle a matter that keeps society together, weather money or religion. Bankers and priests have to be accountable and responsible, and both have to be very careful, because they have special responsibilities regarding the public good. And, for bankers as well for priest, transparency is a must. 

There is another theory, regarding the transparency of the Code of Holiness, and is even more radical. According to this theory, the Code of Holiness had been written not only for the members of the priestly caste, but for the general public. The purpose was to empower the people of Israel as a whole. This is the reason why we find so many commandments, laws, and precepts, aimed to rule the public life. And each of them is followed by the solemn statement: “I am Adonay, your God; Ani Adonay, Eloeikhem”. 

“You will not reap the edges and the corners of your field; you will not gather the fallen fruits: you shall leave all this for the poor of the land. I am Adonay, your God; Ani Adonay, Eloeikhem.”

“You will not steal, you will not lie each other, you will not swear falsely, I am the Lord; Ani Adonay.”

“You will not defraud your neighbour, the wages of a labourer shall not remain with you. I am the Lord. Ani Adonay”.

“You will not mock the deaf, you will not put a stumbling block on the journey path of someone who cannot see it. I am the Lord. Ani Adonay”.

“You will not take vengeance. You will love your neighbour as yourself, I am the Lord”. Etcetera. 

Both these scholarly theories are fascinating, and maybe they are not blatantly contradictory. Either we think that the Code of Holiness is a handbook for the members of the priestly caste, or a set of laws about social justice, it is indeed, holy.This is enunciated already in the name, the title if you want, and in the opening part, that we have just read. 

Kedushim, holinesses. 

“You shall be holy, because I, Adonay, your God, am holy”. 

The whole parasha is a call to holiness; and to the holy task of building a just and compassionate society, where the poor and the stranger do not starvation. A society that takes care of those suffering disabilities of various kind. A society where justice reigns in tribunals, and interpersonal relations are ruled by loyalty and truth. 

All of this, that we modern would call justice, or equality, is indeed called holy in our Tradition. Because holiness in Judaism is not a private business. Mind that the Book of Leviticus, this call to holiness, this section of the Torah, was spoken in public assembly. It means it was addressed to the people as a collective. For this reason it mainly consists of law and precepts related to interpersonal relations. And after each of them, we are reminded that Adonai is God, and God is holy. 

The Sfat Emet, an important hassidic master of the beginning of XIX century, reminds us how Pharao elevates Joseph to the highest rule, governor of his kingdom. In such a moment, the sovereign states: “I am Pharao”. He is helping Joseph to raise the social ladder; true. He is doing, if you want, an act of social justice. He is helping the social advancement of somebody less fortunate; but he does this for his own sake and gratification. 

Sfat Emet notices how different is that “Ani Pharao” from the “Ani Adonai Eloeikhem” that we have read so many times. It is egocentric, it is self centric; it is, definitively, not holy. Because holiness, social justice, is not to be pursued as a mean for self gratification, like the one of Pharao. Holiness is part of the Divine Plan. To the Jewish people assembled, like we are today, this Torah reading reminded, as reminds to us today, that we can be holy if we are like God: compassionate, caring, and just. If we strive to be like the One to whom our prayers are addressed on behalf of persons we love. The One to whom we share our deepest hopes and dreams. 

May Adonay, our God, always listen to our prayers. 


giovedì 28 aprile 2011

la parola che manca

OK, non saro' polemico.
Pero' andate qua. E' un articolo pubblicato da Il manifesto a proposito dell'anniversario del processo Eichman, e di quel che ne segui': - il noto libro della Arendt, recentemente sottoposto a dura critica da Deborah Lipstadt (si parla anche di questo). L'autore dell'articolo e' Alberto Burgio, che nella accademia italiana e' uno dei pochi che si sono occupati di totalitarismo e razzismo, senza essere ossessionato dal prendere le distanze da Israele. E l'articolo, anche se pubblicato da Il manifesto, ha il pregio di non prendersela con Israele, che succede poche volte. Burgio e' un professore e prende molto sul serio il suo ruolo, cercando di spiegare con pazienza eventi lontani a un pubblico di lettori che di quella vicenda conosce poco.
Ecco, e qui per me c'e' un problema. La parola antisemitismo si legge una volta sola. Ripeto: in tre cartelle tre di testo dedicato al processo Eichman ed alla Shoah, l'antisemitismo e' nominato solo incidentalmente, alla fine.
Provate ad immaginare qualcosa di simile. Un articolo su Falcone e Borsellino in cui non compaia la parola mafia. Un articolo sulla Resistenza in cui non sia mai menzionato l'esercito tedesco e nemmeno il fascismo. Un reportage dal Parlamento italiano in cui non si capisca chi ha vinto le elezioni e perche' Berlusconi sta seduto dove sta.
Io ci trovo qualcosa di delirante. Ricordo quandi c'era in Italia una specie di ossessione per ricordare che non solo gli ebrei erano state vittime della Shoah, anche [pronti? via] zingari, comunisti, omosessuali - tutti a dimenticarsi i Testimoni di Geova, vai a sapere perche'.
Adesso sembra si sia fatto un passo in piu', non capisco bene verso dove, ma certo non aiuta a capire, men che meno a tramandare la famosa Memoria.
[oh, ce la ho fatta a non essere polemico. Verso Il manifesto, poi...]

martedì 19 aprile 2011

aggiornamento su Vittorio Arrigoni

No, non e' andata come speravo. Il web si e' riempito di teorie complottiste e sproloqui  davvero preoccupanti in cui Arrigoni viene paragonato, nientepopodimenoche, a Gesu' in persona, morto anche lui -sapete- per colpa degli ebrei. Che ridere, questa e' gente che vorrebbe lo Stato laico in Palestina.

In ogni caso, ho notato una faccenda, tra i sodali di Arrigoni (no, non li chiamo compagni: tra gli ammiratori ci sono anche quelli di Forza Nuova...). Non c'e' nessuno che chieda un'inchiesta sulle cause della morte. Diciamo che entro breve gli assassini verranno ammazzati, dopo un processo made in Hamas, e tocchera' prendere per buona la versione, appunto, di Hamas. 

Qui Dimitri Buffa spiega come mai non sarebbe una buona idea. Lo dedico ai simpatici anonimi che ci tengono a farmi sapere che sanno dove vivo. Buona lettura, neh.

sabato 16 aprile 2011

Sembra ci sia in giro una gran voglia di parlare di Vittorio Arrigoni - che per me e' incomprensibile. E anche una gran voglia di parlare delle reazioni alla sua morte, ovvero della panoplia di teorie complottiste che impazzano ("e' stato il Mossad, gli ebrei sono troppo potenti, sbroc sbroc"). Questa la trovo piu' comprensibile, l'Italia che si esprime in Internet ha una spiccata predilezione per il surreale.

Pero' non capisco tutto questo bisogno di parlare di Vittorio Arrigoni, di trovare tracce di nobilta', idealismo, impegno sociale o altro, in quella che e' una biografia tutto sommato banale. Nato in Brianza, da una famiglia di sinistra, con la mamma sindaco, a piu' di trenta anni suonati puo' permettersi il lusso di non lavorare. O di lavorare per una sedicente organizzazione umanitaria. E ci e' rimasto.


Dicono si fosse dedicato alla attivita' politica umanitaria come rimedio contro la depressione - a me sembra che qualche problemino ce lo avesse ancora, visto che aveva messo in vendita magliette come questa. Ma vabbe', la depressione ti butta anche addosso momenti di magniloquenza.

Prima di morire ha impestato la rete di messaggi in cui definiva i sionisti dei "ratti di fogna", augurava la morte (la morte...) agli israeliani che gli scrivevano da 50 km da Gaza, e rivestiva tutto questo suo odio di visioni idilliache e pacificatorie. Anche questo, pero', e' piuttosto banale. Gli antisemiti alternano scoppi di ira contro la loro ossessione, a sogni di come sara' bello  quando il loro nemico sara' finalmente sconfitto, e il mondo libero dal peccato originale.

Quindi mi chiedo cosa c'era di cosi' straordinario negli scritti di Vittorio Arrigoni da giustificare un simile spreco di inchiostro e di tempo. Al di la' del fatto che fosse un cittadino italiano e che in Italia ci possa essere una qualche identificazione con lui. Continuo a credere che troppa gente, magari anche ragionevole, reagisca con automatismo sospetto a parole magiche come "Stato democratico, laico, secolare, magari sui confini della Palestina storica" che non e' solo una offesa a tremila anni di storia ebraica. E' in se' un sogno genocida, in nome del quale e' morto Arrigoni ed altri moriranno dopo di lui. Ma e' anche troppo, troppo simile al linguaggio corrente a sinistra.

venerdì 18 marzo 2011

scampoli di vita sessuale

La vita sessuale degli antisemiti ebrei critici di Israele essere una roba assai poco soddisfacente. Vedi per esempio cosa twitta Shai Golden, un opinionista di quel quotidiano di proprieta' tedesca che risponde al nome di Haretz. Il resto del Paese piange le vittime di un massacro -tra i quali, particolare orrendo, un bambino di tre mesi. Ma lui no, il Golden trova ripugnante unirsi al lutto. Voi capite, si tratta di rozza roba nazionalista, estranea al suo spirito di  cosmopolita E cinguetta -in maniera davvero raffinata- cosi':

“Sex, like settlement, is a violent and intrusive act. It’s a matter of Jews having sex with the earth and discovering in it beauty and holiness. When it comes to both sex and settlers, people are necessarily deviant.”